Jason Shulman: un intero film racchiuso in un unico fotogramma, 18 incredibili immagini

Jason Shulman, scultore e fotografo inglese, ha raccolto tutto il film in un unico fotogramma. Due ore e passa fotografate in un unico fotogramma.

jason shulman frame film
Taxi Driver

Un film è composto da migliaia di fotogrammi. Ogni secondo di pellicola ne è composto da 24. Jason Shulman, artista contemporaneo che vive a Londra, ha racchiuso tutta la durata di un film in un unico fotogramma.

Chi è Jason Shulman

Jason Shulman è un artista contemporaneo londinese. Prima di esporre i suoi lavori nelle gallerie inglesi, lavora come designer grafico presso il The Sunday Telegraph ed è l’art director di Harpers & Queen. Dopo due anni lascia gli incarichi e si dedica all’arte. Più precisamente alla scultura e alla fotografia. Espone in diverse gallerie di Londra, fino a presentare i suoi lavori presso la Biennale d’Arte Moderna di Mosca nel 2009.

Nel 2016, presso la Cob Gallery di Londra, presenta un suo lavoro che riscuote un notevole successo: Photographs of Films [Fotografie di film, n.d.r.]. L’opera consiste in 55 fotografie di altrettanti film. Jason Shulman ha attuato un processo molto particolare che gli ha permesso di contenere in un unico fotogramma tutte le immagini presente in un film. L’artista ha fatto delle fotografie a lunga esposizione, in cui lo scatto durava quanto il film.

Questa pratica di alterare il tempo di esposizione è la stessa che viene utilizzata quando in una fotografia vediamo i fari delle auto essere ritratte come delle scie luminose. Ciò che ha fatto Jason Shulman è stato posizionare la sua macchina fotografica davanti al computer e inquadrare il film.

Ci sono circa 130.000 fotogrammi in un film di 90 minuti. E ogni fotogramma di ogni film è registrato in queste fotografie. Potresti prendere tutti questi fotogrammi e mescolarli come un mazzo di carte e […] ti ritroveresti con la stessa immagine a cui sono arrivato io. Essenzialmente, ciascuna di queste fotografie mostra il codice genetico del film.

Tutte le fotografie sono uniche e differenti tra loro. Secondo Jason Shulman, ogni fotografia racconta qualcosa di personale del regista e la sua peculiarità. Ad esempio, nel fotogramma che racconta La finestra sul cortile (1954) di Alfred Hitchcock si riesce ad intravedere il protagonista, poiché James Stewart viene inquadrato molte volte e spesso nella stessa posizione. Nei fotogrammi dedicati ai film di Stanley Kubrick, Il dottor Stranamore (1964), 2001: Odissea nello spazio (1968) o The Shining (1980); emerge la simmetria molto cara al regista.

Jason Shulman ha fotografato diversi film, ma non sempre il risultato lo ha soddisfatto. «Ho fotografato Avatar per esempio. Ho fotografato tutti i film di James Cameron». Il risultato, a detta dell’artista, era un colore pantone blu. Uno di quei colori uniformi e piatti che trovi nei cataloghi quando si sceglie la tinta per le tende o per le pareti. «Questo perché [il regista] taglia molto velocemente, la telecamera è sempre in movimento. Quindi tutto dipende dallo stile del regista».

Photographs of Films (2016)

Film condensati in un unico fotogramma: strabilianti opere d’arte

Alice nel paese delle meraviglie di Walt Disney

Jason Shulman : alice
Alice nel Paese delle Meraviglie (1951) – J. Shulman

Il dottor Stranamore di Stanley Kubrick

dottor stranamore : shulman
Il dottor Stranamore – Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba (1964) – J. Shulman

Dumbo di Walt Disney

dumbo : shulman
Dumbo – L’elefante volante (1941) – J. Shulman

La finestra sul cortile di Alfred Hitchcock

jason shulman : rear window
La finestra sul cortile (1954) – J. Shulman

The Rocky Horror Picture Show di Jim Sharman

arte : rocky horror
The Rocky Horror Picture Show (1975) – J. Shulman

2001: Odissea nello spazio di Stanley Kubrick

fotografia : 2001
2001: Odissea nello spazio (1968) – J. Shulman