Anni ’70: 21 film da ricordare

0
1260

Dopo un brevissimo viaggio negli anni ’60 e con alcuni dei film da ricordare di quel decennio, si può voltare pagina e andare agli anni ’70.

Sono anche questi degli anni da rimpiangere: sono gli anni dove iniziano alcune delle grandi saghe, dove ci si appassiona ai film horror e fantascientifici, gli anni della Nuova Hollywood. Un dato di fatto è certo, sono stati degli anni incredibilmente prolifici per il cinema.

Proponiamo qui alcuni dei film da ricordare di questo decennio, anche se ovviamente la lista dovrebbe essere infinita per includerli tutti.

1)Amici Miei, 1975, di Mario Monicelli

Si hanno qui cinque amici di infanzia che per lenire i loro problemi si sfogano con degli estranei malcapitati. Una tipica commedia “all’italiana” in cui Monicelli riprende un tema già affrontato ne I Soliti Ignoti (1958) e nell’Armata Brancaleone (1966): il tema dell’amicizia. Nel film viene coniato il termine supercazzola, che viene ormai usato nel gergo comune per indicare un giro di parole.

2)Tutti gli Uomini del Presidente, 1976, di Alan Pakula

Il film narra delle vicende che hanno portato alle dimissioni del presidente Nixon e quindi del noto caso Watergate. Protagonisti sono Robert Redford e Dustin Hoffman, che interpretano due cronisti che stanno indagando sul caso (li avevamo osservati discutere sul watergate qui). Il titolo originale è una allusione alla filastrocca per bimbi “Humpty Dumpty”, in cui un uovo cade dal muro e si fa a pezzi, e “all the King’s horses and all the King’s men / couldn’t put Humpty together again” (tutti i cavalli e gli uomini del re non poterono rimetterlo insieme), cioè un danno irreparabile. Il film vinse moltissimi premi, tra cui 4 Oscar.

3) Taxi Driver, 1977, di Martin Scorsese

Robert De Niro è Travis Bickle, un ventisettenne ex marine alienato e disorientato che soffre di insonnia e lavora come tassista notturno. La colonna sonora del film fu l’ultimo lavoro per Bernard Herrman, che aveva già curato Psycho. Jodie Foster era appena dodicenne quando interpretò il film.

4) Profondo Rosso, 1975, di Dario Argento

Della “fase” thriller del regista bisognerebbe almeno ricordare anche L’Uccello dalle Piume di Cristallo, del 1970. il film si sarebbe dovuto chiamare La tigre dai denti a sciabola (anche se Argento dichiarò che fu solo una presa in giro per i media) o anche Chipsiomega, titolo che venne posto su un copione provvisorio. Solo infine si decise per Profondo Rosso. Da ricordare il Blue Bar, mai esistito ma costruito appositamente ispirandosi proprio a Nighthawks di Hopper. Per la colonna sonora il regista avrebbe voluto i Pink Floyd, che rifiutarono perché troppo impegnati nella composizione di Wish You Were Here.

Sempre dello stesso regista vi è Suspiria, del 1977

E’ il primo film della trilogia delle madri che comprende anche Inferno e La terza madre. Susan Benner, una giovane ragazza americana, arriva in Germania per iscriversi ad una famosa scuola di danza. Al suo arrivo tuttavia accade qualcosa di strano. Argento per il film avrebbe voluto attrici minorenni: ciò tuttavia gli venne vietato dalla legge tedesca (il film è girato a Friburgo e nella Foresta Nera). Il regista dichiarò che trovò l’ispirazione sui colori che avrebbe voluto nella pellicola ne Biancaneve e i sette nani.

5) Apocalypse Now, 1979, di Francis Ford Coppola

Il film vinse due Oscar e anche la Palma d’oro a Cannes. Potrebbe essere considerato il miglior film di guerra di sempre. Entra nelle viscere della guerra del Vietnam, nella sua follia e si domanda sulla sua eticità. Interpreti sono Marlon Brando, Charlie Sheen, Robert Duvall, Dennis Hopper. Per il ruolo di Willard, vennero candidati anche Steve McQueen, Al Pacino, Harvey Keitel e Robert Redford. The End dei The Doors, nonostante sia del 1967, è indelebilmente legata a questo film. La troviamo infatti sia nella scena iniziale che nella scena finale, in entrambi i casi in versione remixata.

6) Eraserhead, la mente che cancella, 1977, di David Lynch

E’ il 1977, e Lynch decide di regalarci il suo primo lungometraggio. il film parla di Henry, Mary e del loro feto, ma soprattutto è una sorta di analisi introspettiva della vita di Henry, arricchita da moltissime visioni oniriche. Lynch riguardo ad Eraserhead dichiarò che era un sogno di avvenimenti oscuri e pericolosi. Si dice che Kubrick fosse un grande ammiratore del film, e che lo proiettasse in continuazione sul set di Shining.

7) Lo Squalo, 1975, di Steven Spielberg 

All’epoca fu il film con il maggiore incasso nella storia del cinema, e lo rimase fino all’uscita di Guerre Stellari del 1977. Per la produzione del film vennero costruiti tre squali meccanici (che ancora possono permettersi di fare invidia ad alcuni effetti speciali di oggi), che tuttavia dettero molti problemi di funzionamento, per cui si ricorse ad altre soluzioni. Ad esempio vennero usati dei barili per far immaginare l’arrivo dello squalo, aumentando ancora di più la suspense nel film che creava così delle scene alla Hitchcock. Il motivo musicale principale è considerato un capolavoro ed è composto semplicemente da due note, il mi ed il fa.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here