Brendan Fraser non andrà ai Golden Globes se nominato

Parlando con GQ, Brendan Fraser ha rivelato che, se candidato, non andrà ai Golden Globes dove potrebbe essere candidato per The Whale

Condividi l'articolo

Dopo molti anni di oblio, Brendan Fraser è finalmente tornato sulla cresta dell’onda grazie alla sua performance in The Whale, nuovo film di Darren Aronofsky (qui il trailer). La sua grande prestazione lo porterà probabilmente a venire candidato per i premi più importanti, tra i quali, ovviamente, i Golden Globes. Tuttavia, se dovesse effettivamente ricevere una nomination, non andrà alla cerimonia.

Ho più trascorsi con la Hollywood Foreign Press Association [Associazione che assegna i Golden Globes ndr] che rispetto per loro – ha detto a GQ. No, non parteciperò. È  per quanto successo in passato. Mia madre non ha cresciuto un’ipocrita, potete chiamarmi come volete, ma non ipocrita

Ciò a cui Brendan Fraser fa riferimento è una storia che ha raccontato nel 2018 sempre a GQ. L’attore in quel caso aveva affermato di essere stato vittima di abusi sessuali ad opera dell’ex presidente della Hollywood Foreign Press Association (HFPA) Philip Berk. Fraser ha detto che la sua carriera era “appassita” dopo essere stato palpeggiato da Berk a un pranzo dell’HFPA a Beverly Hills nel 2003, facendolo sentire “infelice“, “depresso” e “solo“.

LEGGI ANCHE:  Killers of the Flower Moon: Brendan Fraser nelle prime immagini dal set

La sua mano sinistra si allunga, mi afferra la natica e una delle sue dita mi tocca nell’ano – aveva raccontato. E inizia a muoverla. Mi sono sentito male. Ero come un bambino. Mi sentivo come se avessi una palla in gola. Pensavo che mi sarei messo a piangere… Nella mia mente, almeno, qualcosa mi era stato portato via.

Berk ha negato l’accusa, ma ha riconosciuto di essersi scusato per iscritto all’epoca. Ha inoltre descritto l’incidente come uno scherzo nel suo libro di memorie del 2014. In una recente dichiarazione rilasciata a GQ, ha inoltre aggiunto: La sua carriera è tracolatta non per colpa nostra.

L’HFPA, dopo un’indagine innescata dall’accusa di Fraser, ha concluso che il tocco di Berk era “inteso come uno scherzo e non come un’avanzata sessuale”.

Sebbene l’HFPA si sia separato da Berk e abbia apportato modifiche significative e più inclusive all’organizzazione, Fraser ha affermato che avrebbe bisogno di vedere quei cambiamenti in azione prima di partecipare di nuovo alla cerimonia di premiazione.

LEGGI ANCHE:  Brendan Fraser, la triste storia di uno degli eroi degli anni '90

Secondo le regole di ingaggio, sarebbe mia responsabilità dare un’occhiata e prendere una decisione in quel momento, se questa diventasse la situazione. E dovrebbe essere, non so, qual è la parola che sto cercando… sincero? Vorrei in qualche modo un gesto per ricavare una medicina al veleno. Non so cosa sia. Ma questa sarebbe la mia speranza. Ma non si tratta di me.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa