Johnny Depp, biografia e carriera | Un divo tra sesso, droga e rock ‘n roll

Johnny Depp è uno degli attori più famosi al mondo: la sua carriera è costellata di successi, droga e musica

johnny depp
Johnny Depp in Blow
Condividi l'articolo

Johnny Depp non è un attore che abbia bisogno di lunghe introduzioni o premesse: la sua carriera, iniziata nel 1984 con il primo capitolo della saga di Nightmare, ha lasciato una traccia abbastanza indelebile nel mondo della settima arte.

Sex Symbol, amato dalle folle e corteggiato da registi di un certo spessore, Johnny Depp è stato per anni considerato il miglior attore della sua generazione, a prescindere dai riconoscimenti “canonici” di Hollywood che non sono mai arrivati tra le sue mani.

Johnny Depp, una breve biografia

John Christopher Depp II nasce a Owensboro, nello stato del Kentucky, il 9 Giugno 1963, figlio di John Christopher Depp, un ingegnere civile e da Betty Sue, che lavorava come cameriera e con la quale il futuro attore di Hollywood ebbe sempre un rapporto molto stretto.

Il giovane Johnny cresce in Florida, costretto molto spesso a spostarsi e a traslocare per assecondare le esigenze lavorative del padre. Il continuo vagabondare della famiglia impedisce a Johnny Depp di creare dei legami stabili, di coltivare amicizie: il risultato è che questo ragazzo dai tratti zingareschi viene su riservato, a tratti scontroso, incuriosito più dal mondo della droga che dai compiti sui banchi di scuola. A quindici anni decide di lasciare la scuola per seguire il suo sogno di diventare un musicista. Crea moltissime garage band, compresa una che si faceva chiamare The Flame, prima di diventare i The Kids.

Con loro tenta il successo: dopo il divorzio dei genitori, Depp si trasferisce a Los Angeles dove cerca la fama suonando la chitarra. Ma il gruppo, nonostante qualche buon spirito di iniziativa non riesce a decollare e ben presto il ragazzo si trova a corto di soldi. Per un po’, addirittura, vive in una Chevrolet del ’67 insieme al suo migliore amico, Sal. Per mantenersi fa ogni tipo di lavoro, dal muratore al benzinaio, passando anche per il venditore di penne a sfera. L’anno è il 1983 e Johnny Depp è convolato a giuste nozze con la truccatrice Lori Anne Allison, sorella maggiore di uno dei componenti della band.

L’inizio di una carriera sfolgorante

Il matrimonio dura, come si suol dire, da Natale a Santo Stefano, ma il rapporto diventa importantissimo per Johnny perché sarà la sua prima moglie, nel 1984, a presentarlo all’amico Nicolas Cage, che vedrà in lui un volto adatto ad Hollywood, e lo convincerà a provare la strada della recitazione.

Johnny Depp
Johnny Depp e il suo debutto in Nightmare – Dal profondo della notte

Fu proprio l’agente di Nicolas a trovare una parte per Depp in Nightmare – Dal Profondo della Notte, il film iconico di Wes Craven. È l’inizio di una sfolgorante carriera, che comincia con il ruolo di Tom Hansen nella serie 21 Jump Street e procede con gli anni ’90 e l’arrivo di quelli che, ancora oggi, sono tra i film più amati dell’attore, come Edward Mani di Forbice e Il Mistero di Sleepy Hollow, entrambi per la regia dell’amico e mentore Tim Burton, ma anche Donnie Brasco e Buon Compleanno Mr. Grape.

La capacità di Johnny Depp di trasformarsi, di diventare un fantoccio argilloso nelle mani dei registi gli ha permesso di muoversi tra i generi e accaparrarsi la nomea di camaleonte a Hollywood. La sua carriera raggiunge un nuovo apice quando, nel 2003, esce nei cinema La Maledizione della Prima Luna, capitolo introduttivo della saga di Pirati dei Caraibi che lancerà nell’orizzonte del cinema il personaggio di Jack Sparrow, uno dei più iconici degli ultimi vent’anni.

johnny depp
Johnny Depp è Jack Sparrow in Pirati dei Caraibi

Nonostante le ultime interpretazioni, che si sono avvicendate tra alti e bassi, Johnny Depp continua ad essere un attore che mette in primo piano il proprio talento e che continua a chiamare intorno a sé numeri alti di spettatori. Lo dimostra anche la sua esperienza nel mondo della musica: suona infatti nel gruppo dei The Hollywood Vampires, composto da Alice Cooper e Joe Perry, con i quali ha realizzato anche una splendida versione di Hero di David Bowie.

Filmografia

Cinema

  • Nightmare – Dal profondo della notte (A Nightmare on Elm Street), regia di Wes Craven (1984)
  • Posizioni promettenti (Private Resort), regia di George Bowers (1985)
  • Platoon, regia di Oliver Stone (1986)
  • Cry Baby (Cry-Baby), regia di John Waters (1990)
  • Edward mani di forbice (Edward Scissorhands), regia di Tim Burton (1990)
  • Nightmare 6 – La fine (Freddy’s Dead: The Final Nightmare), regia di Rachel Talalay (1991) – cameo
  • Il valzer del pesce freccia (Arizona Dream), regia di Emir Kusturica (1993)
  • Benny & Joon, regia di Jeremiah S. Chechik (1993)
  • Buon compleanno Mr. Grape (What’s Eating Gilbert Grape), regia di Lasse Hallström (1993)
  • Ed Wood, regia di Tim Burton (1994)
  • Don Juan De Marco – Maestro d’amore (Don Juan De Marco), regia di Jeremy Leven (1994)
  • Dead Man, regia di Jim Jarmusch (1995)
  • Minuti contati (Nick of Time), regia di John Badham (1995)
  • Donnie Brasco, regia di Mike Newell (1997)
  • Il coraggioso (The Brave), regia di Johnny Depp (1997)
  • Paura e delirio a Las Vegas (Fear and Loathing in Las Vegas), regia di Terry Gilliam (1998)
  • Los Angeles senza meta (L.A. Without a Map), regia di Mika Kaurismäki (1998)
  • La nona porta (The Ninth Gate), regia di Roman Polański (1999)
  • Il mistero di Sleepy Hollow (Sleepy Hollow), regia di Tim Burton (1999)
  • The Astronaut’s Wife – La moglie dell’astronauta (The Astronaut’s Wife), regia di Rand Ravich (1999)
  • The Man Who Cried – L’uomo che pianse (The Man Who Cried), regia di Sally Potter (2000)
  • Prima che sia notte (Before Night Falls), regia di Julian Schnabel (2000)
  • Chocolat, regia di Lasse Hallström (2000)
  • Blow, regia di Ted Demme (2001)
  • La vera storia di Jack lo squartatore (From Hell), regia di Allen e Albert Hughes (2001)
  • La maledizione della prima luna (Pirates of the Caribbean: The Curse of the Black Pearl), regia di Gore Verbinski (2003)
  • C’era una volta in Messico (Once Upon a Time in Mexico), regia di Robert Rodríguez (2003)
  • Secret Window, regia di David Koepp (2004)
  • Ils se marièrent et eurent beaucoup d’enfants, regia di Yvan Attal (2004)
  • Neverland – Un sogno per la vita (Finding Neverland), regia di Marc Forster (2004)
  • The Libertine, regia di Laurence Dunmore (2004)
  • La fabbrica di cioccolato (Charlie and the Chocolate Factory), regia di Tim Burton (2005)
  • Pirati dei Caraibi – La maledizione del forziere fantasma (Pirates of the Caribbean: Dead Man’s Chest), regia di Gore Verbinski (2006)
  • Pirati dei Caraibi – Ai confini del mondo (Pirates of the Caribbean: At World’s End), regia di Gore Verbinski (2007)
  • Sweeney Todd – Il diabolico barbiere di Fleet Street (Sweeney Todd: The Demon Barber of Fleet Street), regia di Tim Burton (2007)
  • Parnassus – L’uomo che voleva ingannare il diavolo (The Imaginarium of Doctor Parnassus), regia di Terry Gilliam (2009)
  • Nemico pubblico – Public Enemies (Public Enemies), regia di Michael Mann (2009)
  • Alice in Wonderland, regia di Tim Burton (2010)
  • The Tourist, regia di Florian Henckel von Donnersmarck (2010)
  • Pirati dei Caraibi – Oltre i confini del mare (Pirates of the Caribbean: On Stranger Tides), regia di Rob Marshall (2011)
  • The Rum Diary – Cronache di una passione (The Rum Diary), regia di Bruce Robinson (2011)
  • Jack e Jill, regia di Dennis Dugan (2011)
  • 21 Jump Street, regia di Phil Lord e Chris Miller (2012)
  • Dark Shadows, regia di Tim Burton (2012)
  • The Lone Ranger, regia di Gore Verbinski (2013)
  • Transcendence, regia di Wally Pfister (2014)
  • Tusk, regia di Kevin Smith (2014)
  • Into the Woods, regia di Rob Marshall (2014)
  • Mortdecai, regia di David Koepp (2015)
  • Black Mass – L’ultimo gangster (Black Mass), regia di Scott Cooper (2015)
  • Alice attraverso lo specchio (Alice Through the Looking Glass), regia di James Bobin (2016)
  • Yoga Hosers – Guerriere per sbaglio (Yoga Hosers), regia di Kevin Smith (2016)
  • Animali fantastici e dove trovarli (Fantastic Beasts and Where to Find Them), regia di David Yates (2016) – cameo
  • Pirati dei Caraibi – La vendetta di Salazar (Pirates of the Caribbean: Dead Men Tell No Tales), regia di Joachim Rønning, Espen Sandberg (2017)
  • Assassinio sull’Orient Express (Murder on the Orient Express), regia di Kenneth Branagh (2017)
  • London Fields, regia di Matthew Cullen (2018)
  • Arrivederci professore, regia di Wayne Roberts (2018)
  • Animali fantastici – I crimini di Grindelwald (Fantastic Beasts: The Crimes of Grindelwald), regia di David Yates (2018)
  • City of Lies – L’ora della verità (City of Lies), regia di Brad Furman (2018)
  • Waiting for the Barbarians, regia di Ciro Guerra (2019)
  • Minamata, regia di Andrew Levitas (2020)
LEGGI ANCHE:  The Tourist, De Sica su Johnny Depp: "Un incontro magico" [VIDEO]

Televisione

  • Lady Blue – serie TV, episodio 1×04 (1985)
  • Slow Burn, regia di Matthew Chapman – film TV (1986)
  • Hotel – serie TV, 1 episodio (1987)
  • 21 Jump Street – serie TV, 103 episodi (1987-1990)
  • The Vicar of Dibley – serie TV, 1 episodio (1999)
  • The Fast Show – serie TV, 1 episodio (2000)
  • This American Life – serie TV, episodio 2×01 (2008)
  • Life’s Too Short – serie TV, 1 episodio (2010)
  • Funny or Die presenta: L’arte di fare affari di Donald Trump – Il film (Donald Trump’s The Art of the Deal: The Movie), regia di Jeremy Konner – film TV (2016)

Documentari

  • Where It’s At: The Rolling Stone State Of The Union, regia di Joe Berlinger e Bruce Sinofsky, film TV (1998)
  • The Beats – L’urlo ribelle, regia di Chuck Workman (1999)
  • Lowell Blues: The Words Of Jack Kerouac, regia di Henry Ferrini (2000)
  • Lost in La Mancha, regia di Keith Fulton e Louis Pepe (2002)
  • All the Love You Cannes!, regia di Gabriel Friedman, Lloyd Kaufman, Sean McGrath (2002)
  • Breakfast with Hunter, regia di Wayne Ewing (2003)
  • Charlie: The Life and Art of Charles Chaplin, regia di Richard Schickel (2003)
  • The Wonderful World of Roald Dahl regia di Katie Kinnaird, Barry Ryan (2005)
  • Buy the Ticket, Take the Ride: Hunter S. Thompson on Film, regia di Tom Thurman (2006)
  • Deep Sea 3D, regia di Howard Hall (2006)
  • When the Road Bends… Tales of a Gypsy Caravan, regia di Jasmine Dellal (2006)
  • Il futuro non è scritto – Joe Strummer (Joe Strummer: The Future Is Unwritten), regia di Julien Temple (2007)
  • Runnin’ Down A Dream, regia di Peter Bogdanovich (2007)
  • Gonzo: The Life and Work of Dr. Hunter S. Thompson, regia di Alex Gibney (2008)
  • Marc Forster – Der Weg zu 007, regia di Fritz Muri (2008)
  • Rock and a Hard Place: Another Night at the Agora, regia di Aaron T. Wells (2008)
  • Taste of Hollywood, regia di Richard Ryan (2009)
  • In Search of Ted Demme (2010)
  • When You’re Strange, regia di Tom DiCillo (2010) – voce narrante
  • Pearl Jam Twenty (film), regia di Cameron Crowe (2011)
  • Per nessuna buona ragione, regia di Charlie Paul (2012)
  • Close Up, regia di Tiziano Sossi (2012)
  • Radioman, regia di Mary Kerr (2012)
  • Sunset Strip (2012 film), regia di Hans Fjellestad (2012)
  • Don’t Say No Until I Finish Talking: The Story of Richard D. Zanuck, regia di Laurent Bouzereau (2013)
  • Don Rickles: One Night Only an all Star Tribute to Don Rickles regia di Joe DeMaio e Jeff Roe (2014)
LEGGI ANCHE:  "Amber Heard ha colpito con un pugno in faccia Depp", dice il bodyguard

Video Musicali

  • Into the Great Wide Open – Tom Petty
  • It’s A Shame About Ray – The Lemonheads
  • Creep – Radiohead
  • That woman’s got me drinking – Shane MacGowan
  • My Valentine – Paul McCartney
  • Queenie Eye – Paul McCartney
  • Say10 – Marilyn Manson
  • Kill4Me – Marilyn Manson

Doppiatore

  • King of the Hill – serie TV d’animazione, episodio 8×20 (2004)
  • La sposa cadavere (Corpse Bride), regia di Tim Burton e Mike Johnson (2005)
  • Spongebob – serie TV, 1 episodio (2009)
  • Rango, regia di Gore Verbinski (2011)
  • I Griffin – serie animata, 1 episodio (2012)
  • Sherlock Gnomes, regia di John Stevenson (2018)

Il rapporto con le droghe

Tra le caratteristiche che hanno sempre accompagnato l’immagine pubblica di Johnny Depp ci sono quelle che lo collegano al tabacco, alle droghe e all’alcol.

La tradizione del tabacco ha radici antiche, che riguardando l’infanzia dell’attore. Come lui stesso ha raccontato, il tabacco era qualcosa che lo legava al nonno Walter: Ricordo che raccoglievo il tabacco nei campi insieme a lui, ascoltando le storie che raccontava.

La curiosità per la droga arriva già in pre-adolescenza, quando Johnny Depp cerca una via di fuga da una vita in cui si sente preso di mira.

Mi sentivo alienato e isolato a scuola, e ad alcuni ragazzini e a un insegnante piaceva prendersela con me. Ciò mi ha reso piuttosto diffidente e, in qualche modo, arrabbiato. Faresti qualunque cosa per fuggire da quel tipo di aggressione che stai sperimentando […] Frequentavo cattive compagnie. Facevamo iruzione nei posti, ad esempio negli edifici scolastici, dove distruggevamo una stanza o qualche altra cosa. Rubavo, inoltre, nei negozi […] Ho iniziato a fumare a dodici anni, ho perso la verginità a tredici anni e a quattordici avevo già provato ogni tipo di droga. Non direi che ero cattivo … ma soltanto curioso.

Anche con l’alcool Johnny Depp non si è mai fatto chissà quale problema: appassionato di vini, ha anche un tatuaggio in cui si legge “wino forever”, ubriaco per sempre. Si trattava in realtà di un tatuaggio dedicato in passato all’attrice Winona Ryder e modificato dopo la rottura.

Le storie d’amore e la vita privata

Sebbene Johnny Depp debba molto alla prima moglie che lo ha messo in contatto con Nicolas Cage sono quattro le donne intorno a cui è ruotata la vita sentimentale dell’attore.

La prima è stata Winona Ryder, conosciuta sul set di Edward Mani di Forbice e primo grande amore della vita dell’attore: tra i due c’è stato sempre un rapporto molto forte che anche dopo la rottura gli ha permesso di rimanere amici.

johnny depp

Poi è stata la volta della modella Kate Moss, con cui Depp condivideva la tensione ad una vita fatta di eccessi. Nel 1998 incontra Vanessa Paradis, che sarà la madre dei suoi due figli, Lily-Rose e John Christopher Depp III, con il quale è rimasto fino al 2012, anno della separazione e dell’entrata in scena di Amber Heard.

Johnny depp
Amber Heard e Johnny Depp in una scena di The Rum Diary

I due si conoscono sul set di The Rum Diary e nel 2015 si sposano. Quello che sembra l’inizio di una nuova grande storia d’amore diventa ben presto un incubo: Amber Heard accusa Johnny Depp di violenza domestica e tra i due è ancora in corso una battaglia legale, con la Heard denunciata per diffamazione. Sia Winona Ryder che Vanessa Paradis non hanno perso l’occasione di prendere le difese del loro ex compagno.

Per altre news e aggiornamenti continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com!