Lightyear, Chris Evans contro le critiche omofobe: “Sono degli idioti”

Parlando con Reuters, Chris Evans ha definito idiote le critiche omofobe mosse al film Lightyear che lo vede protagonista

Lightyear
Condividi l'articolo

Nelle sale è arrivato Lightyear (qui il trailer), il nuovo film di casa Disney che racconterà la storia delle origini di Buzz, amatissimo personaggio che abbiamo imparato a conoscere in Toy Story e ispirato a Buzz Aldrin. La pellicola, diretta da Angus MacLane, è stata boicottata e bannata dai paesi arabi a causa della presenza di un bacio omosessuale, tra la collega astronauta e amica intima di Buzz, Hawthorne e un’altra donna.

A parlare di questa fattispecie è arrivato direttamente Chris Evans, voce di Buzz Lightyear nella versione originale. L’attore, in un’intervista con Reuters, ha definito le critiche idiote.

La verità è che quelle persone sono degli idioti. Ogni volta siamo messi di fronte a dei progressi sociali, e la storia americana, la storia umana, è fatta di costanti risvegli sociali, di crescita, ed è ciò che ci rende migliori. Ci saranno sempre persone che hanno paura e sono inconsapevoli e cercano di aggrapparsi a ciò che c’era prima. Ma quelle persone muoiono come dinosauri. Penso che l’obiettivo sia quello di non dar loro importanza, andare avanti e abbracciare la crescita che ci rende umani.

Il produttore Galyn Susman è intervenuto per chiedere perché gli spettatori sarebbero più sconvolti da una relazione omosessuale sana e felice che da una relazione tossica tra un uomo e una donna.

LEGGI ANCHE:  L'emozionante addio di Robert Downey Jr. a Chris Evans e al suo Cap

Abbiamo una relazione qui che dura un’intera vita – ha detto. È affettuosa, di supporto e mostra a Buzz esattamente ciò che non ha, e questo è il punto. Dovremmo essere tutti così fortunati ad avere quel tipo di relazione nella nostra vita.

Il bacio in oggetto era stato al centro di una spinosa questione interna a Pixar. I dipendenti avevano infatti pubblicato una lettera aperta in cui accusava la Disney di censurare la rappresentazione LGBTQ+. Questo ha portato la casa di riproduzione a ripristinare la scena in questione dopo un’iniziale taglio (qui i dettagli).

Che ne pensate?

Avatar di Matteo Furina
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.