10 curiosità su Arancia Meccanica [LISTA]

Scopriamo insieme 10 aneddoti su Arancia Meccanica, il capolavoro di Stanley Kubrick tratto dall'omonimo romanzo di Anthony Burgess.

Arancia Meccanica; Malcolm McDowell
Condividi l'articolo

Eccomi là. Cioè io, Alex, e i miei tre drughi, cioè Pete, Georgie e Dim“. Tra le scene iniziali dei film più iconiche, quella di Arancia Meccanica merita sicuramente una menzione d’onore. Il capolavoro di Stanley Kubrick, approdato nel 1971 sugli schermi, può vantare di essere stato uno dei primi cult e un pioniere del genere distopico, nonché uno dei film più famosi per l’alto contenuto di violenza inserita in tutta la trama.

Arancia Meccanica racconta la storia di Alex de Large, un ragazzino che vive all’insegna della violenza. Che sia una rissa con un’altra banda di teppisti o una rapina a casa di persone apparentemente perbene, per lui e i suoi Drughi l’importante è seguire la regola della “ultraviolenza”. Un film così rinomato, diretto da uno dei pilastri della cinematografia occidentale del XX secolo, non può che essere un el dorado di aneddoti e curiosità. E infatti, ecco qui di seguito dieci cose che non sapevate su Arancia Meccanica.

1) L’improvvisazione di “Singin’ in the Rain”

La scena della rapina a casa dello scrittore Alexander e sua moglie vede l’attore interprete di Alex, Malcolm McDowell, lanciarsi in una rivisitazione di una canzone… Poco appropriata per il contesto. Kubrick, infatti, prima di girare, aveva chiesto a McDowell di cantare durante la scena. L’attore avrebbe acconsentito, ottenendo il nulla osta dal regista sulla scelta della canzone.

McDowell cantò la prima che gli venne in mente. Ed ecco che salta fuori la scena con gli Alexander picchiati sulle note di Singin’ in the rain. Pare che, qualche anno più tardi, McDowell avrebbe incontrato Gene Kelly ad una festa, ma che quest’ultimo non volesse avere a che fare con lui. Sì, è stato proprio per via dell’utilizzo a dir poco dissacrante della celeberrima canzone in Arancia Meccanica.

2) La lingua del gulliver di Arancia Meccanica

Mi fa male il gulliver, ma’!“. Dall’inizio, grazie al contesto delle frasi in cui viene utilizzato, capiamo che “gulliver” è la parola per cervello, e subito ci chiediamo perché, un ragazzino che palesemente vive in Inghilterra, dovrebbe parlare così. Ebbene, la lingua (o, se volete, lo slang) con cui si esprime spesso Alex è uno dei tratti distintivi del romanzo da cui è trasposto Arancia Meccanica.

L’omonima opera di Anthony Burgess vede i suoi protagonisti parlare il nadsat“, un linguaggio inventato che prende elementi da inglese e russo. Viene utilizzato talmente di frequente nel romanzo che le edizioni hanno via via aggiunto un appendice alla fine per riuscire ad orientarsi. Kubrick temeva che il film non sarebbe stato accessibile al grande pubblico con così tanto nadsat, tant’è vero che ne ridusse la presenza ad alcune parole. “Gulliver” è una di queste.

Alex ristabilisce le posizioni attaccando Georgie e Dim al fiume

3) Più Rossini per tutti

E’ quasi impossibile pensare ad Arancia Meccanica senza infilarci dentro le note di Ludwig van Beethoven. Alex lo chiama persino in un modo tutto suo, riferendosi a lui come al “Ludovico van”. Arriva a diventare violento e irascibile quando qualcuno prende in giro la musica del compositore tedesco, come nella scena al Korova Milk Bar. La stessa “cura” dalla violenza ha un riferimento a Beethoven, e Alex non riesce più ad ascoltarla dopo la soffertissima terapia.

LEGGI ANCHE:  Arancia Meccanica: l'analisi dell'opera fra libro e film

Sembra quindi che tutto faccia pensare al protagonismo assoluto della musica di Beethoven nel film, ma non è così. Ad avere più spazio nella colonna sonora di Arancia Meccanica è Rossini, con ben sei scene in cui lo troviamo di sottofondo alle immagini. Un esempio? La scena della lotta tra Alex e i suoi Drughi al fiume, accompagnata dalla celeberrima Gazza ladra.

4) Arancia Meccanica… in mano ai Rolling Stones?!

I trivia su questo film sono veramente moltissimi, e ci piace pensare che ci siano anche molte leggende tra essi. Quello che più andrebbe preso con le pinze è l’apparente vendita dei diritti del libro di Burgess… A Mick Jagger! Sì, perché la rockstar inglese a quanto sembra voleva realizzarne una versione cinematografica con i Rolling Stones come Drughi. Pazzesco, vero?

D’altronde, se i Beatles volevano interpretare gli hobbit nella loro versione del Signore degli Anelli, gli Stones dovevano rispondere in qualche modo. Purtroppo (o per fortuna?), il progetto di Jagger non ha mai visto la luce, e da lì è passato per le mani di diversi registi. Ken Russell e Tinto Brass, così sembra, sono stati potenziali registi di Arancia Meccanica, prima che arrivasse Stanley Kubrick a imporre la sua visione.

5) Kubrick, Morricone e la “bugia” di Sergio Leone

C’è la possibilità di perfezionare un film che già di suo sarebbe un capolavoro? Probabilmente sì, specie se si considera che alle musiche Kubrick voleva un certo Ennio Morricone. Il regista di 2001: Odissea nello spazio, però, fece l’errore di chiedere a Sergio Leone se Morricone fosse disponibile. Al tempo, Leone stava lavorando a Giù la testa, ma Morricone aveva già completato le musiche, e ciononostante rispose che aveva ancora bisogno del compositore. Kubrick dovette trovare un altro compositore, e Morricone rimpianse per anni di non aver potuto lavorare con lui.

Un primissimo piano di Alex durante uno dei momenti di “ultraviolenza”

6) Alex de Large contro Darth Vader

Alex esce dalla cura Ludovico, e si ritrova dopo una serie di peripezie nella casa dello scrittore che aveva aggredito a inizio film. Questi ha perso la moglie, e costretto in sedia a rotelle, è assistito da un ragazzo palestratissimo. E se vi dicessimo che quel palestrato… E’ il futuro Darth Vader?

Ebbene sì: il bodybuilder David Prowse, che in questo film trasporta uomini in carrozzina, poi sarà l’uomo sotto la maschera nella trilogia di Star Wars. E non finisce qui: James Earl Jones, voce immortale di Vader, fece una comparsa in un altro film di Kubrick, Il dottor Stranamore – Ovvero come ho imparato a non preoccuparmi ed amare la bomba.

7) La storia di Wendy Carlos

Eravamo rimasti che Arancia Meccanica non aveva un compositore delle musiche originali. Dopo il rifiuto di Sergio Leone, Kubrick ripiegò su Walter Carlos, che scrisse la spettrale musica che apre l’ormai iconica scena iniziale. Carlos, però, merita una posizione nella nostra classifica per la sua particolare storia. Nel 1972, un anno dopo l’uscita di Arancia Meccanica, Walter Carlos si sottopose all’intervento per il cambio di genere, diventando Wendy Carlos. Il film di Kubrick può dunque vantare uno dei primi compositori transessuali della storia.

LEGGI ANCHE:  Musica e film - Arancia meccanica e Singin' in the Rain

8) Arancia Meccanica e Barry Lyndon, fratelli di fotografia

Squadra che vince non si cambia, così dice il proverbio. E Kubrick lo mette in pratica a partire da 2001: Odissea nello spazio, quando decide di arruolare John Alcott come direttore della fotografia. I due decidono di compiere un esperimento che darà il massimo dei suoi frutti con Barry Lyndon (1975). E’ in Arancia Meccanica, però, che ci sono le prime scene girate in luce naturale della filmografia di Kubrick. L’effetto sarà potenziato ed esteso a tutto il film in Barry Lyndon, che farà conquistare ad Alcott un Oscar alla fotografia nel 1976.

Arancia Meccanica; Malcolm McDowell
Il confronto tra Alex e i Drughi Dim (in alto) e Georgie (in centro)

9) Il rifiuto dei Pink Floyd

E’ incredibile, al giorno d’oggi, scoprire quanti “no” avesse ricevuto Kubrick in passato. Alla lista, si aggiunge anche la leggendaria band progressive dei Pink Floyd. Infatti, il regista aveva intenzione di utilizzare la loro Atom Heart Mother Suite proprio in Arancia Meccanica. La band rifiutò, a causa del desiderio del regista di usare le parti che preferiva della canzone e in più scene. Almeno, questa è una versione della storia.

Nick Mason, batterista del gruppo britannico, ha svelato in un’intervista che i Pink Floyd si erano proposti per le musiche di 2001: Odissea nello spazio, ma Kubrick non accettò l’offerta. Quando la situazione si è ribaltata, sono stati loro a rifiutare. In entrambi i casi, un gran peccato.

10) Il primo film di fantascienza candidato come Miglior Film

E’ veramente difficile da credere, considerando il film di Kubrick precedente a questo. Però è veramente così. 2001: Odissea nello spazio, agli Oscar 1969, fu candidato per la regia e vinse il premio agli effetti speciali, ma non come miglior film. Il primissimo film di fantascienza ad essere candidato come miglior film agli Oscar è proprio Arancia Meccanica, all’edizione del 1972. Per il calibro dei temi trattati, le performance attoriali, la potenza delle immagini, non poteva che essere così. Non vinse il premio, ma fu, anche in questo caso, un pioniere nel cinema occidentale.

Le curiosità sulla lavorazione di questo film e sulla sua eredità sarebbero moltissime, ma intanto vogliamo lasciarvi con questo assaggio. Arancia Meccanica è uno di quei film che va assolutamente visto una volta nella vita, non soltanto per l’impegno artistico di Kubrick, ma anche per gli enormi spunti di riflessione che lascia ai suoi spettatori. Cosa faremmo noi, al posto di quei personaggi?

Potrebbe interessarvi anche:

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!