Karma Police: il significato della ballad dei Radiohead

Un viaggio all'interno del singolo e della società

Radiohead - Karma Police
Thom Yorke dei Radiohead nel video di "Karma Police". Credits: Radiohead / YouTube
Condividi l'articolo

Partiamo dal presupposto che l’arte non necessita di troppe spiegazioni. E che se si fa ricorso alla musica per parlare di sentimenti, politica o se stessi, è proprio per evitare tanti giri di parole. Ma è bello confrontarsi sulle diverse interpretazioni che un brano può suscitare/innescare. Ed ecco la nostra su Karma Police dei Radiohead.

“Polizia del Karma, arresta quest’uomo….”

Ma cos’è esattamente il Karma? Nella vita di tutti i giorni, è diventato un termine abusatissimo per indicare una sorta di vendetta ad opera del cosmo per qualcosa di negativo che si compiuto nei confronti di qualcun altro. Ma non è esattamente così. Non è quel motore inviolabile di punizione cosmica, ma semplicemente una sequenza: tra causa ed effetto. Detto in parole povere: ciò che semini, raccogli.

Thom Yorke immagina questa entità cosmica come qualcosa di più tangibile. Come se il Karma stesso nella vita di tutti i giorni fungesse da agente. La polizia del Karma applica la legge del Karma. La polizia del Karma, la cosiddetta Karma Police, non è sempre giusta. Si limita ad applicare una legge che non ha creato, punendo le persone per un reato di cui non sono a conoscenza. Quando si subiscono (ingiustamente) una serie di sofferenze reiterate, non si può far altro che dare la colpa a qualcuno al di sopra di noi: Dio, Fato, e perché no, il Karma.

Nella prima strofa, si chiede di arrestare un uomo che parla il “matematichese”.

“Ronza come un frigorifero, è come una radio smontata”, aggiunge l’accusa. Che si tratti di un nerd? Parla con dei termini tecnici, e gli altri non capiscono quello che dice. Questo già da se è un buon “pretesto” per essere arrestato dalla polizia del Karma.

Nella seconda strofa, cambia il soggetto. Qui si tratta di una “ragazza ha una pettinatura strana”. E per questo, l’accusatore racconta di averle rovinato la feste. Anche in questo casa la polizia del Karma interviene agendo nei confronti della ragazza.

Il coro dice che le vittime hanno provocato gli aggressori. Questo è, probabilmente, per rafforzare l’assurdo del bullismo, in cui l’atto provocatorio è avere una pettinatura divertente o pensare in modo diverso: ” Questo è ciò che ottieni”.

La strofa successiva cambia. Questa volta è l’arrestato che parla in prima persona, una “vittima” della polizia del Karma. Hanno fatto di tutto per fermare il bullismo, ma le vittime sono ancora “nel libro paga”, una metafora per un elenco di vittime preferite di bullismo:

Significa che un’azione che si intraprende, sia essa positiva o negativa, alla fine tornerà alla persona che ha eseguito l’azione e anche i suoi effetti.

Sentenza di agire su quest’uomo per apparentemente non aver fatto nulla. Le battute “La sua pettinatura hitleriana mi sta facendo sentire male, e abbiamo fatto schiantare la sua festa” mostrano ancora una volta l’intolleranza dei narratori per le persone che sono diverse da lui. Sembra che al narratore non piaccia l’acconciatura di una giovane donna e ai suoi occhi è una persona cattiva. Il narratore ha giudicato sia l’uomo che la donna su piccoli aspetti della loro personalità che non sono affatto crimini, ma desidera comunque che il cattivo karma, o la “polizia del karma” agisca su di loro.

LEGGI ANCHE:  Quando i R.E.M. hanno (quasi) scritto una canzone dei Radiohead

Dicendo “E abbiamo fatto schiantare la sua festa”, il narratore sta dicendo che la Polizia del Karma, o karma negativo, agirà non solo sulla ragazza e sul giovane, ma su tutte le persone che il narratore giudica e disprezza, sconvolgendoli in tal modo, e “schiantare la loro festa”. L’uomo e la ragazza menzionati rappresentano le persone verso le quali il narratore è intollerante. Il coro dà all’ascoltatore l’immagine del narratore che è abbastanza soddisfatto a scapito del gruppo di persone, in questo caso l’uomo e la ragazza, poiché hanno avuto conseguenze negative su di loro.

“Quando si scherza con noi” è interessante che i Radiohead abbiano scelto di usare la parola “noi”, questo implica che il narratore rappresenta un gruppo, non solo se stesso.

Forse il gruppo che il narratore rappresenta è la società, poiché le persone vengono giudicate e affrontate con enormi pregiudizi per cose minori, come una differenza nella loro personalità. Questo segna la fine della fase “Azione” per il narratore. La fase d’azione è la parte della canzone in cui il narratore giudica le persone e fa le richieste alla polizia del karma.

Infine, sembra che l’ultima strofa riguardi una vittima che ha perso la testa e ha vendicato gli attacchi in modo violento e impulsivo:

Per un minuto mi sono perso, mi sono perso
Phew, per un minuto lì, mi sono perso, mi sono perso

La strofa successiva mostra il narratore che quasi si lamenta con la polizia del karma. “Ho dato tutto quello che potevo, non è abbastanza, ho dato tutto quello che potevo ma siamo ancora sul libro paga”. Il narratore stesso potrebbe ricevere un cattivo karma, conseguenze negative, ma questo lo confonde perché ha fatto tutto il possibile facendo arrestare dalla polizia del Karma le persone con cui i suoi valori sono in conflitto. “Ma siamo ancora sul libro paga”, ancora una volta l’uso di “noi siamo” invece di “io sono” implica che il narratore rappresenti il ​​gruppo.

In questa strofa c’è ancora più ripetizione, forse rafforzando la frustrazione dei narratori poiché lui stesso riceve karma negativo dalla polizia del karma, anche se li ha aiutati lamentandosi delle persone che pensa dovrebbero essere arrestate da loro. Questo è il motivo per cui questa strofa è la seconda fase della canzone, la fase di confusione o frustrazione.

LEGGI ANCHE:  Ill Wind, il nuovo pezzo dei Radiohead

Quindi la musica cambia tonalità, così come il tono e l’umore della canzone.

La canzone ora entra nella terza e ultima fase di realizzazione. Ciò mostra che il narratore ha realizzato quello che ha fatto e che per un minuto ha perso il proprio carattere mentre giudicava gli altri. Il narratore si è reso conto che giudicare le persone su aspetti della loro personalità è un’azione che merita il karma negativo stesso, e spiega perché prima era ancora sul libro paga delle politiche del karma. Questa strofa viene ripetuta fino al termine della canzone. Il narratore è stato accecato dal suo odio e dall’intolleranza per gli altri tipi di persone che è diventato proprio quello che stava chiedendo alla polizia del karma di abbattere.

Come accennato prima, il narratore rappresenta un gruppo e quel gruppo potrebbe benissimo essere la società. Nel complesso, la canzone potrebbe riguardare il modo in cui la società giudica le persone su cose insignificanti e non incriminanti come il loro aspetto fisico e la loro personalità. La società desidera che queste persone abbiano conseguenze negative su di loro. Tuttavia, verso la fine della canzone, con il cambio di chiave e il cambio di tono, la società si rende conto che loro stessi sono proprio la cosa di cui si lamentavano e che sono loro stessi ad avere i difetti di personalità, motivo per cui avrebbero dovuto ricevere “cattivo karma”. Il messaggio generale della canzone quindi è che nel giudicare le persone per piccole cose come le differenze di personalità, sei tu stesso a meritare le conseguenze negative.

La Karma Police era una barzelletta interna della band.

“È stato uno slogan della band per un po’ durante il tour – ogni volta che qualcuno si comportava in un modo particolare, dicevamo,’ La polizia del karma lo raggiungerà prima o poi ‘”, il chitarrista Jonny Greenwood
ha detto a Melody Maker.

“Devi fare affidamento su qualcosa del genere, anche se probabilmente ci stiamo solo prendendo in giro. Ma non è una questione di vendetta, solo di essere felice con il proprio comportamento. “

“Il karma è importante”, ha ammesso Yorke a Humo.
“L’idea che esista qualcosa come il karma mi rende felice. Mi fa sorridere. “Karma Police” è dedicata a tutti coloro che lavorano per una grande azienda. È una canzone contro i capi. “

Leggi anche:
Radiohead: Karma Police doveva essere un video di Marilyn Manson
Radiohead: Fake Plastic Trees cantata da Arlo Parks e Phoebe Bridgers
This Isn’t Happening | Recensione del libro sui Radiohead e Kid A
Quando i Radiohead apparvero in South Park

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.