Radiohead, Ed O’Brien sul ritorno della band: “Potrebbe succedere, oppure no”

Radiohead
Condividi l'articolo

“Potremmo fare qualcosa in un paio di anni. Oppure no” dice Ed O’Brien sul prossimo futuro dei Radiohead

Domanda: i Radiohead torneranno nel prossimo futuro? Un quesito che ci si pone dall’uscita di A Moon Shaped Pool nel 2016, ma più urgentemente dopo i lavori da solisti di Thom Yorke e Jonny Greenwood e, se possibile con ancora maggior insistenza, dall’uscita dell’album (riuscitissimo) del side-project The Smile, quest’anno.

Ed O’Brien parla di ciò che potrebbe essere della leggendaria band nei prossimi anni, e non fa giri di parole: “I Radiohead non ci sono al momento. Potrebbe succedere, ma d’altra parte potrebbe non succedere. Ed importa davvero? C’è una verità in quel che facciamo, quindi non siamo una di quelle band che tornano insieme solo per riscuotere lo stipendio [the big payday]”.

Che è, del resto, uno dei motivi (e non l’unico) che rendono la fanbase dei Radiohead tanto affezionata. Ma ciò detto, un nuovo disco dopo tanto tempo certamente non sarebbe da rifiutare. E su questo dice O’Brien: “La cosa con i Radiohead, potremmo fare qualcosa in un paio di anni. Oppure no”.

LEGGI ANCHE:  Il figlio di Thom Yorke, Noah, debutta in musica [ASCOLTA]

“Ma penso che dovrebbero esserci cinque persone che dicono: ‘Voglio fare davvero questa cosa con te”. E al momento, visto che l’abbiamo fatto per così tanto, ci siamo tutti allontanati e stiamo avendo esperienze diverse. E questo dovrebbe essere permesso, dovrebbe essere incoraggiato”.

Ma c’è una rassicurazione per i fan: “Ci vogliamo bene. Siamo fratelli. Probabilmente suoneremo insieme [ancora]. Potrebbe essere che non accada ma sono sicuro che [invece] succederà. Sono quasi certo che funzioneà. Ma bisogna anche essere in grado di accettare [l’idea] che possa non succedere più“.

Fonte: Consequence

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente

Avatar di Andrea Campana
Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.