Quando Ennio Morricone influenzò una canzone dei Radiohead [ASCOLTA]

Ennio
Credits: Hunter O'Brien / YouTube; SelfDistribuzione / YouTube
Condividi l'articolo

L’incalcolabile influenza del maestro Ennio Morricone ha raggiunto musicisti in tutto il mondo e in ogni epoca: persino i Radiohead

Cos’ha a che fare Ennio Morricone con la musica dei Radiohead? Sulla carta, poco e niente. Da una parte abbiamo uno dei più grandi compositori italiani di tutti i tempi, maestro della musica per film e celebre per le sue colonne sonore immortali. Dall’altra una band inglese leggendaria, fondamentale per l’incontro tra il rock artistico e la musica digitale a cavallo tra i due millenni.

Eppure, nonostante la distanza che intercorre tra i campi d’azione (sonori) dei due nomi citati, è possibile qui trovare un ponte di collegamento. Lo si trova in particolare tornando al 1997, l’anno d’uscita del celebre capolavoro dei Radiohead dal titolo OK Computer: un titolo immancabile nella discografia di qualunque musicofilo.

Come ben sanno i fan del gruppo di Thom Yorke e Jonny Greenwood, all’epoca i Radiohead sono alla ricerca di suoni e influenze nuovi ed esterni per emanciparsi dalle limitazioni del rock alternativo inglese. Vogliono forme espressive inedite, per meglio dare sfogo al proprio insauribile estro creativo.

LEGGI ANCHE:  Radiohead: pubblicata la versione estesa di Treefingers [ASCOLTA]

Tra queste influenze si contano i Can, mitico gruppo krautrock degli anni ’70, e appunto il nostro italianissimo Ennio, già celebre all’epoca da trent’anni e più. Secondo la biografia dedicata ai Radiohead dal titolo Exit Music: The Radiohead Story, proprio Morricone sarebbe l’ispirazione dietro ad una delle tracce più celebri di OK Computer: Exit Music (For a Film).

Da Morricone ai Radiohead: il viaggio dell’eredità immensa di un artista immortale

La canzone viene ispirata da Romeo e Giulietta di William Shakespeare, una delle opere teatrali più celebri della storia, ed è composta specificamente per l’adattamento post-post moderno ideato da Baz Luhrmann: Romeo + Juliet, con Leonardo DiCaprio. Il brano viene scritto in prima battuta nel 1996 proprio per essere inserito nella colonna sonora del film.

Pare che la composizione, nella quale Jonny Greenwood suona un mellotron per creare un’atmosfera “spaventosa”, sia influenzata direttamente da un’opera “minore” di Morricone. Trattasi di Bambole, la colonna sonora del film Spasmo del 1974: un thriller di Umberto Lenzi oggi non particolarmente ricordato.

LEGGI ANCHE:  Radiohead: gli album dal migliore al peggiore [LISTA]

Potete confrontare le due composizioni qui sopra e qui sotto. Fa impressione sentire quanto dei Radiohead che conosciamo si possa già rintracciare nell’opera di Morricone, vent’anni prima e più. Non solo Exit Music, ma anche una buona parte di OK Computer riporta le evidenti influenze di questo solo brano: pensiamo ad alcuni passaggi di Paranoid Android, o di Karma Police.

Una prova di più, se ce ne fosse bisogno, dell’incredibile lascito di uno dei più grandi musicisti del nostro paese. Innumerevoli artisti, di ogni genere e campo, hanno riconosciuto l’enormità della sua eredità. Questo caso eclatante dei Radiohead non è altro che, per molti versi, “solo” la ciliegina sulla torta.

Fonte: Far Our Magazine