Paul Thomas Anderson difende i cinecomics: “Riportano le persone in sala”

Parlando con il The New Yorker, Paul Thomas Anderson ha difeso i cinecomics che hanno il merito di riprotare le persone al cinema

paul thomas anderson
Credits: YouTube/ Paul Thomas Anderson on Working with Daniel Day Lewis - Jimmy Kimmel Live
Condividi l'articolo

Nell’ultimo periodo uno degli argomenti più dibattutti dai grandi registi è sicuramente quello che riguarda i cinecomics e la loro rilevanza nel panorama cinematografico mondiale. Sull’argomento si è recentemente espresso Paul Thomas Anderson che, parlando con il The New Yorker, ha dato una versione della questione decisamente diversa rispetto alla maggior parte dei suoi colleghi.

Mi scalda il cuore poterti dire che mi sento più felice che mai a lavorare in questo business. Ho il mio piccolo angolo e sto lavorando con persone che ammiro davvero, come alla MGM. Sono incredibilmente felice in questo momento. Ma questo sono io. 

Ovviamente è diventato ancora più complicato con lo streaming e il tipo di sovrabbondanza di film di supereroi. La maggior parte delle cose non le prendo troppo sul serio. Voglio dire, sembra che ci sia un po’ di preoccupazione per i film di supereroi. Mi piacciono. Sembra essere popolare in questi giorni chiedersi se hanno rovinato il cinema e tutto questo genere di cose. Semplicemente non è così

Voglio dire, senti, siamo tutti nervosi per il ritorno delle persone al cinema, ma sai cosa li farà tornare nei cinema? Spider-Man. Quindi cerchiamo di essere felici di questo

Anderson ha anche parlato di come il dominio dello streaming abbia consentito una grande proliferazione di contenuti, oltre a una maggiore libertà creativa grazie a risorse apparentemente illimitate, ma a scapito della cura.

LEGGI ANCHE:  Le 10 migliori interpretazioni in un film di Paul Thomas Anderson

Ci sono un sacco di soldi là fuori in questo momento per permettere alle persone di fare film. Quando ho iniziato a fare film, c’erano molti soldi là fuori per l’home video. Se potevi fare un film per, diciamo, un milione e mezzo, due milioni di dollari, tenerlo sotto i tre, e avevi un paio di elementi di genere, c’era la componente home-video. Che è essenzialmente lo stesso dello streaming: chiamalo home video, VHS, come vuoi chiamarlo. 

È qualcosa che entra in casa tua e ti dà intrattenimento, giusto? Quindi il campo di gioco non è cambiato così drasticamente, sai? Ci sono dei soldi là fuori. Ma ora è difficile trovare quello che stai cercando. Perché c’è così tanta roba. Io sono una di quelle persone che passano un’ora a guardare il menu e poi sono esausta

Paul Thomas Anderson tornerà al cinema con Licorice Pizza (qui il trailer) il prossimo febbraio. Che ne penasate delle sue parole?