Oscar per il Miglior Film, arrivano le “quote” minime per le minoranze

Svolta storica per gli Oscar: per concorrere come miglior film, dal 2024, le produzioni dovranno garantire una rappresentanza minima alle minoranze. Ecco i dettagli.

Oscar, notte degli Oscar, Premiazione, regole
Photo credit: Praytino (Flickr) - CC BY 2.0

Negli ultimi mesi, a seguito anche delle violente proteste scaturite dall’omicidio di George Floyd, le regole per quel che riguarda l’assegnazione degli Oscar sono cambiate, divenendo più inclusive. Vi avevamo già raccontato di alcune direttive istituite per la prossima edizione 2021 (qui i dettagli). Ebbene, gli Academy Awards hanno fatto ora un altro passo in avanti.

L’A.M.P.A.S. (Academy of Motion Picture Arts and Sciences) ha infatti diramato le nuove linee guida per quel che riguarda la selezione nella categoria di Miglior Film. Per quel che riguarda le edizione del 2022 e del 2023 infatti ogni film, per poter ambire al premio principale, dovrà soddisfare un modulo confidenziale di inclusione deciso dall’Academy.

A partire dall’anno successivo invece, nell’edizione del 2021, ogni film per concorrere nella categoria regina, dovrà soddisfare almeno due dei 4 standard che vi riportiamo qui sotto.

Oscar 2024: I nuovi Standard di Inclusione

Standard A: Rappresentazione su schermo, temi e narrativa


Per raggiungere lo Standard A, il film deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri:

A1. Protagonisti principali o significativi

Almeno uno degli attori principali o attori di supporto significativi proviene da un gruppo etnico o razziale sottorappresentato.

• Asiatico
• Ispanico / latino-americano
• Nero / afroamericano
• Indigeno / Nativo americano / Nativo dell’Alaska
• Mediorientale / Nordafricano
• Nativo hawaiano o altro isolano del Pacifico
• Altra razza o etnia sottorappresentata

A2. Cast generale dell’ensemble

Almeno il 30% di tutti gli attori in ruoli secondari e più secondari proviene da almeno due dei seguenti gruppi sottorappresentati:

• Donne
• Gruppo etnico o razziale
• LGBTQ +
• Persone con disabilità cognitive o fisiche, o che sono sorde o ipoudenti

A3. Trama principale / argomento

La trama principale, il tema o la narrazione del film sono incentrati su un gruppo sottorappresentato.

• Donne
• Gruppo etnico o razziale
• LGBTQ +
• Persone con disabilità cognitive o fisiche, o che sono sorde o ipoudenti

Standard B: Leadership Creativa e Team di Progetto

Per raggiungere lo Standard B, il film deve soddisfare almeno uno dei seguenti criteri:

B1. Leadership creativa e capi dipartimento

Almeno due delle seguenti posizioni di leadership creativa e capi dipartimento – direttore del casting, direttore della fotografia, compositore, costumista, regista, montatore, parrucchiere, truccatore, produttore, scenografo, scenografo, suono, supervisore VFX, scrittore – provengono dal seguenti gruppi sottorappresentati:

• Donne
• Gruppo etnico o razziale
• LGBTQ +
• Persone con disabilità cognitive o fisiche, o che sono sorde o ipoudenti

Almeno una di queste posizioni deve appartenere al seguente gruppo razziale o etnico sottorappresentato:

• Asiatico
• Ispanico / latino-americano
• Nero / afroamericano
• Indigeno / Nativo americano / Nativo dell’Alaska
• Mediorientale / Nordafricano
• Nativo hawaiano o altro isolano del Pacifico
• Altra razza o etnia sottorappresentata

B2. Altri ruoli chiave

Almeno sei altri membri dell’equipaggio / squadra e posizioni tecniche (esclusi gli assistenti alla produzione) provengono da un gruppo razziale o etnico sottorappresentato. 

B3. Composizione complessiva dell’equipaggio

Almeno il 30% della troupe del film proviene dai seguenti gruppi sottorappresentati:

• Donne
• Gruppo etnico o razziale
• LGBTQ +
• Persone con disabilità cognitive o fisiche, o che sono sorde o ipoudenti

Standard C: Accesso al settore e Opportunità

Per raggiungere lo Standard C, il film deve soddisfare entrambi i criteri seguenti:

C1. Apprendistato retribuito e opportunità di stage

La società di distribuzione o finanziamento del film ha pagato apprendistati o stage che provengono dai seguenti gruppi sottorappresentati e soddisfano i criteri seguenti:

• Donne
• Gruppo etnico o razziale
• LGBTQ +
• Persone con disabilità cognitive o fisiche, o che sono sorde o ipoudenti

I principali studi / distributori sono tenuti ad avere apprendistati / stage retribuiti sostanziali e continuativi comprensivi di gruppi sottorappresentati (devono includere anche gruppi razziali o etnici) nella maggior parte dei seguenti dipartimenti: produzione / sviluppo, produzione fisica, post-produzione, musica, VFX , acquisizioni, affari commerciali, distribuzione, marketing e pubblicità.

I mini-major o studi / distributori indipendenti devono avere un minimo di due apprendisti / stagisti dei suddetti gruppi sottorappresentati (almeno uno di un gruppo etnico o razziale sottorappresentato) in almeno uno dei seguenti dipartimenti: produzione / sviluppo, produzione fisica , post-produzione, musica, VFX, acquisizioni, affari, distribuzione, marketing e pubblicità.

C2. Opportunità di formazione e sviluppo delle competenze (Crew)

La società di produzione, distribuzione e / o finanziamento del film offre opportunità di formazione e / o lavoro per lo sviluppo di competenze sotto la linea a persone dei seguenti gruppi sottorappresentati:

• Donne
• Gruppo etnico o razziale
• LGBTQ +
• Persone con disabilità cognitive o fisiche, o che sono sorde o ipoudenti

Standard D: Sviluppo del Pubblico

Per raggiungere lo Standard D, il film deve soddisfare il criterio seguente:

D1. Rappresentanza in marketing, pubblicità e distribuzione

Lo studio e / o la compagnia cinematografica ha più dirigenti senior interni tra i seguenti gruppi sottorappresentati (devono includere individui di gruppi etnici o razziali sottorappresentati) nei loro team di marketing, pubblicità e / o distribuzione.

• Donne
• Gruppo etnico o razziale:
• Asiatico
• Ispanico / latino-americano
• Nero / afroamericano
• Indigeno / Nativo americano / Nativo dell’Alaska
• Mediorientale / Nordafricano
• Nativo hawaiano o altro isolano del Pacifico
• Altra razza o etnia sottorappresentata
• LGBTQ +
• Persone con disabilità cognitive o fisiche, o non udenti o ipoudenti

Tutte le altre categorie che concorreranno agli Oscar manterranno gli attuali requisiti di accessibilità. I premi per i lungometraggi animati, i documentari e i film internazionali avranno invece un trattamento separato.

Vi ricordiamo che, a causa della Pandemia, la cerimonia degli Oscar è stata spostata al prossimo 25 aprile 2021, allungando di conseguenza i termini ultimi per l’ammissibilità dei film (qui i dettagli). Che ne pensate di questa nuove regole di inclusione scelti per l’assegnazione degli Oscar?

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su LaScimmiaPensa.com