Godzilla vince il suo primo Oscar dopo 70 anni

Il franchise dedicato a Godzilla, il mostro più famoso creato in Giappone, è riuscito a conquistare l'ambita statuetta dopo un digiuno durato 70 anni.

GODZILLA MINUS ONE
Credits: Youtube/GODZILLA MINUS ONE (2023) Trailer Finale ITA del Film di Mostri Kaiju #Oscars2024
Condividi l'articolo

Godzilla Minus One è il primo film della saga a vincere l’Oscar per gli effetti speciali

Il franchise dedicato a Godzilla, il mostro più famoso creato in Giappone, è riuscito a conquistare l’ambita statuetta dopo un digiuno durato 70 anni. Nella notte degli Oscar, infatti, il film diretto dal regista Takashi Yamazaki “Godzilla Minus One” è riuscito ad aggiudicarsi il premio per i migliori Effetti Speciali, l’unica categoria nella quale il film era di fatto candidato.

“La possibilità di salire su questo palco sembrava fuori portata”, ha detto lo stesso regista Yamazaki nel suo discorso di accettazione emotivo, prima di concludere con “Ce l’abbiamo fatta, grazie”. In effetti, quello fatto dal team di Godzilla Minus One è stato un lavoro eccezionale che ha fatto la storia della saga: nessun altro film su Godzilla, a partire dal classico originale che ha dato il via al franchise nel lontano 1954, era riuscito a passare all’attenzione dell’Academy per ricevere una nomination agli Oscar, figuriamoci vincerlo.

LEGGI ANCHE:  Oscar, i candidati a miglior film classificati [LISTA]
Credits: Twitter/@Godzilla_Toho

Il film di Yamazaki però non è solo un film bello per i suoi incredibili effetti speciali ma è stato elogiato anche dalla critica internazionale, tanto da guadagnarsi sul noto aggregatore di recensioni Rotten Tomatoes un indice di gradimento pari al 98%, un segnale di quanto il film sia nel complesso un film avvincente e uno dei migliori film dedicati al mostro giapponese. Anche gli incassi sono stati molto soddisfacenti: 100 milioni globali, con un successo inaspettato anche in Nord America, che ha raccolto decine di milioni di dollari al botteghino.

Credits: Twitter/@DiscussingFilm

Il film di Yamazaki è riuscito quindi a scalzare nella categoria degli Effetti Speciali titoli importanti come “Mission Impossible: Dead Reckoning”, il terzo capitolo de “I Guardiani della Galassia”, “Napoleon” e il fantascientifico “The Creator”. Questa è stata anche una dimostrazione di come con poco a disposizione si possa fare ugualmente un grande lavoro: il team creativo per il film giapponese, e il budget (circa 15 milioni totali), erano relativamente esigui rispetto a quelli degli altri film in lizza ma, ciò nonostante, Godzilla Minus One ha avuto la meglio, con grande merito.

LEGGI ANCHE:  The Hurt Locker - Recensione

Fonte: Slashfilm

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa