I 10 Film da vedere se avete amato Dark

Un po' di consigli per uscire dal tunnel di Dark.

dark 3 spiegazione, dark, film da vedere se avete amato dark, film simili dark
Jonas e Martha, protagonisti indiscussi della serie
Condividi l'articolo

L’ultima stagione di Dark sta registrando un successo eccezionale tra gli utenti Netflix di tutto il mondo. Nel nostro “spiegone” (leggi qui l’articolo) abbiamo cercato di dirimere il senso ultimo della serie, nonché la fitta rete delle sue ispirazioni, che spaziano dalla fisica quantistica alla filosofia di Friedrich Nietzsche. Ma se la fine di Dark 3 vi lascia ancora un vuoto incolmabile, ecco 10 film da recuperare immediatamente.

Dark si inserisce nella grande tradizione della Fantascienza, in particolare nel filone distopico e post-apocalittico. Eccovi allora una Top Ten di film che sapranno restituirvi le stesse atmosfere, e la stessa angosciosa concezione ciclica del tempo.

Capolavori Sci-Fi che non raccontano semplicemente di viaggi nel tempo, ma riservano una particolare attenzione ai loop spazio-temporali, dove un singolo individuo è costretto a rivivere la stessa realtà ancora e ancora, nel disperato tentativo di riscrivere il corso della Storia.

L’esercito delle 12 scimmie di Terry Gilliam (1995)

Bruce Willis, L'esercito delle 12 scimmie, film da vedere se avete amato dark, dark

Tra le pietre miliari dei film di Fantascienza ambientati in un futuro distopico, c’è L’esercito delle 12 scimmie di Terry Gilliam. Un film allucinato, che assume il punto di vista del protagonista, imbottito di psicofarmaci, costantemente braccato, proiettato o meglio sbattuto violentemente attraverso lo spazio e il tempo.

LEGGI ANCHE:  Al via le riprese per la seconda stagione di Dark

Siamo nel 2035 e al detenuto James Cole (Bruce Willis) viene offerta la grazia in cambio di una pericolosa missione indietro nel tempo. L’umanità è ormai praticamente estinta e i superstiti sono costretti a vivere nel sottosuolo.

Nel 1996 un virus, diffuso forse da un gruppo di eco terroristi, capitanati da Jeffrey Goines (Brad Pitt), ha ucciso il 99% della popolazione mondiale. Il suo compito sarà allora sventare l’attentato e trovare l’antidoto a questo virus letale.

Cole finirà prima nel 1990, poi in trincea durante la Prima Guerra Mondiale, sempre a causa di un malfunzionamento della macchina del tempo. Finché finalmente arriva nel 1996, scopre anche la sua reale identità, trovando un senso agli incubi che lo perseguitano.

Se avete amato le 3 stagioni di Dark, non perdetevi questo delirante capolavoro firmato Terry Gilliam.

2046 di Wong Kar Wai (2004)

2046, wong kar-wai, dark, film da vedere se avete amato dark, film simili a dark

Il segreto del successo della serie Dark si nasconde forse nella perfetta quadratura fra Science Fiction e grande tradizione del Melodramma tedesco. Vi consigliamo allora un film di Fantascienza decisamene anomalo, melanconico e intensamente poetico: 2046 di Wong Kar Wai.

Con 2046 il registra chiude la trilogia iniziata con Days of being wild (1991) e In the Mood for Love (2000), suo capolavoro indiscusso. Il film è tecnicamente il sequel di In The Mood for Love, virato nei toni rarefatti e criptici di un’opera Sci-Fi.

LEGGI ANCHE:  Dark - Recensione Serie tv

2046 è al tempo stesso una data, il titolo di un romanzo e il numero di una stanza d’albergo. Siamo nel 1966 e il Signor Chow (Chen Chang) torna a Hong Kong nella disperata ricerca del suo amore perduto, Su Li-Zhen (Maggie Cheung).

Lo scrittore la cercherà inutilmente attraverso il sesso con altre donne, poi tra le pagine del suo nuovo romanzo, ambientato nel 2046. Un futuro distopico, popolato di anime che non provano più dolore. Una dimensione da cui nessuno ha mai fatto ritorno, tranne lo stesso Chow.

Nella stanza 2046, già protagonista di In the Mood for Love, Chow crederà poi di ritrovare la sua Su Li-Zhen, che si sdoppia in realtà in 2 nuove figure femminili: la figlia del proprietario dell’albergo, perdutamente innamorata di un altro, e una prostituta, che invece è innamorata di lui.

Wong Kar Wai moltiplica i piani del racconto tra realtà e ricordo, presente e futuro, ossessione e sogno, raccontando così come un’intera esistenza possa restare intrappolata in un istante, nell’eterna nostalgia di un amore impossibile.