I Daft Punk al lavoro per la colonna sonora del nuovo film di Dario Argento

Il duo francese firmerà la colonna sonora originale di "Occhiali Neri"

daft punk colonna sonora dario argento occhiali neri
I Daft Punk nel video ufficiale di "Veridis Quo"

Il regista di Suspiria e Profondo rosso ha chiamato il duo francese dei Daft Punk per comporre la colonna sonora del suo “Occhiali Neri”

Il maestro dell’horror made in Italy Dario Argento, intervistato recentemente da Repubblica, ha rivelato che a curare la colonna sonora originale del suo nuovo lungometraggio “Occhiali Neri” sarà il duo mascherato più celebre del mondo della musica, i guru francesi della musica elettronica: i Daft Punk.

La dichiarazione del regista è stata tanto piacevole quanto inaspettata, Argento ha, infatti, risposto così alla domanda del giornale “che tipo di film sarà?“: “Uno dei miei più interessanti, così dice chi ha letto la sceneggiatura, compresi i Daft Punk, che firmano la colonna sonora. Sono miei estimatori, conoscono tutto il mio cinema. Da amici francesi hanno saputo che giravo un nuovo film e mi hanno telefonato: ‘Vogliamo lavorare con te‘. Ci sentiamo spessissimo, ‘tra poco ti inviamo i primi brani‘, sono entusiasti. Verranno a Roma appena possono.

Il film, che vedrà il regista di Suspiria e Profondo Rosso dirigere sua figlia Asia Argento, sarà “un ritorno al giallo” e racconterà “l’avventura, nella Roma notturna, di una ragazza e di un bambino cinese.“. Le riprese, previste per maggio, chiaramente, non sono ancora iniziate, ma Argento è fiducioso nel dire che partiranno senza problemi a settembre.

Questo 2020 potrebbe, dunque, essere l’anno del ritorno sulla scena musicale dei Daft Punk dopo ben sette anni dal capolavoro vincitore ai Grammy Awards, Random Access Memory e della loro prima apparizione in pubblico dall’esibizione con l’artista The Weeknd nel 2017.

AGGIORNAMENTO:

https://platform.twitter.com/widgets.js

Leggi anche:

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.

Fonte: Repubblica