Ai Weiwei su Instagram: “Coronavirus come la pasta” [FOTO]

Coronavirus, Ai weiwei
2014, Ai Weiwei si fece fotografare nella posizione in cui venne trovato morto il bambino siriano annegato nel mar Egeo. Fonte: Flickr, Ur Cameras.

Uno scherzo, forse della satira. Il risultato è quello di aver scatenato non poche polemiche. L’artista cinese Ai Weiwei ha fatto un post su Instagram con una battuta sul Coronavirus, ritenuta di cattivo gusto da moltissime persone, vip e non, che si sono dichiarate indignate di fronte a quanto scritto.

“Il Coronavirus è come la pasta: inventato dai cinesi e diffuso dagli italiani”

Questo è quello che si legge sul suo profilo social che, in poco tempo, è divenuto virale. Al punto da collezionare una serie di commenti ben poco edificanti verso l’artista cinese. Non di meno, sul profilo Twitter di Ai Weiwei è possibile leggere la miriade di insulti che, come un bot, sta retwittando con un emoticon a commento.

Leggi anche: LA DURA RISPOSTA DI PAOLO SORRENTINO 

Ai Weiwei si è da sempre contraddistinto per la sua feroce satira, soprattutto verso il suo paese d’origine, la Cina. Al punto che ormai è considerato un vero e proprio dissidente. Nel 2009 il governo cinese chiuse il suo blog che si batteva per i diritti umani. E per la sua opposizione verso il regime cinese, si è fatto più di ottanta giorni di carcere, chiedendo anche al Presidente della Repubblica italiana di allora di poter intervenire.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ai Weiwei (@aiww) in data:

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!