Bong Joon-ho, Identificato dopo 30 anni il killer di Memories of Murder

Bong Joon-ho
Scena presa da Memories of Murder

Bong Joon-ho è uno dei registi sudcoreani più in voga del momento, sicuramente uno di quelli più apprezzati dalla critica europea. Famoso, per The Host, Snowpiercer e Okja (qui la classifica completa) il regista è salito alla ribalta principalmente per il suo ultimo film. Parasite ha ottenuto, infatti, la Palma d’oro al festival di Cannes nel 2019.

Potrebbe interessarti anche I 15 film asiatici più disturbanti di sempre

Ma il film di Bong Joon-ho sotto la luce dei riflettori in questo momento, o almeno quello che interessa noi, è Memories of Murder. Il secondo film del regista asiatico, un piccolo gioiello per molti, è ispirato alla storia vera del primo serial killer sudcoreano conosciuto. I fatti narrati sono avvenuti tra il 1986 e il 1991, nella provincia di Gyeonngi. Uscito nel 2003, il film ottenne un enorme successo commerciale e di critica, ricevendo numerosi riconoscimenti internazionali.

Bong Joon-ho
Scena presa da Memories of Murder

Leggi anche 10 masterpieces asiatici che tutti dovrebbero vedere

Ora, la polizia di Gyeonngi si direbbe certa di aver identificato l’uomo che ha commesso quei crimini circa 30 anni fa. I sospetti ricadono su Lee Chun-jae, che sarebbe responsabile dei 10 stupri e omicidi compiuti dal killer. La polizia sudcoreana ha rinvenuto tracce di DNA sugli slip di una delle vittime, che collegherebbe l’uomo ad almeno 3 omicidi. Purtroppo, le prove contro Lee Chun-jae non sono in grado di farlo processare per quei crimini, a causa del troppo tempo trascorso. Tuttavia, il sospettato si trova già in carcere, dal 1994, per aver stuprato ed ucciso la cognata con modalità simili a quelle del killer del film di Bong Joon-ho.

Continuate a seguire Lascimmiapensa.com