Tutti i film dell’MCU dal peggiore al migliore

La nostra classifica COMPLETA di tutti i film del Marvel Cinematic Universe dal peggiore al migliore. Siete d'accordo con noi?

Condividi l'articolo

4) Avengers: Endgame (2019)

Avengers Endgame

Infine, siamo giunti. Avengers: Endgame chiude le prime tre fasi del Marvel Cinematic Universe e dice addio ad una prima era fatta di alti e bassi, attuando, come detto in precedenza, una vera e propria rivoluzione nell’ambito del cinema di intrattenimento. Cosa ci è rimasto di questo attessissimo finale? Sicuramente tanta emozione, di quelle che solo un lungo addio può donare. Il film è tra i migliori dell’MCU indubbiamente. La portata epica lo rende un moderno kolossal che trova la sua forza nella rappresentazione corale. Quest’ultima è gestita con precisione certosina riuscendo dopo undici anni di universo cinematografico a dare un’idea di cosa sia un crossover fumettistico.

Lo riteniamo inferiore al capitolo precedente, vale a dire Avengers: Infinity War, per un motivo molto semplice: il pathos che ci dona il penultimo capitolo è davvero ineguagliabile, la tristezza di fondo dell’intero film si riversa sullo spettatore dando una parvenza di Tragedia più che di storia supereroistica. In Endgame, invece, tutto diventa estremamente più epico e più vicino ad una seconda parte di un crossover classico, ove non si aspetta altro che la vittoria dei buoni. Lungi da noi anticiparvi qualcosa, tale natura della seconda parte rende il film un’eterna attesa del finale, che sorprende ma senza spiazzare, come accaduto in Infinty War. Pertanto, vi consigliamo di guardare Endgame e il capitolo direttamente precedente come un unico grande film, ove le emozioni cambiano a seconda del punto della storia che stiamo guardando. Risulta una giostra emotiva che sicuramente non vi lascerà indifferenti e di cui Endgame rappresenta il turbolento ed eccitante finale.

Al netto di alcune scelte frettolose, che possiamo perdonare ad un film della durata di tre ore, il film mantiene una sostanziale solidità che solo i fan più accaniti potranno minare attraverso le loro osservazioni. Altri punti di forza li troviamo sicuramente nella solita CGI (se avete la possibilità vedetelo in IMAX 3D), nel brillante cast e in alcune scene davvero ben riuscite (manteniamo il silenzio, ma poi capirete a cosa ci riferiamo). In conclusione, Avengers: Endgame è un finale degno che vi farà ridere, divertire e commuovere nonostante alcuni difetti di scrittura. E ora, largo alla fase 4.

3) Avengers: Infinity War (2018)

Ancora facciamo fatica a capire una cosa: nell’anno in cui l’Academy ha inserito un film dell’MCU nelle sue categorie più prestigiose, come mai ha deciso di optare per Black Panther se nello stesso anno ha esordito quel piccolo gioiello che è Infinity War? Ridurre tutto al politically correct ci sembra forzato e sembra evidente che tra i due film ci sia un abisso. Infinity War è epico, condensa in sé l’intero spirito dell’MCU divenendone il prodotto di riferimento, il simbolo della trasformazione da saga cinematografica a icona pop. Ha tutto: il miglior cattivo, la miglior storia, tutti i personaggi, pathos, fa commuovere, intrattiene, diverte, ti lascia a bocca aperta. Infinity War è tutto ciò che vogliamo da un blockbuster. Infinity War è il simbolo del successo del progetto, che tra alti e bassi è riuscito a sopravvivere tra ottime idee e film mediocri. Infinity War è il risultato di uno sfrozo immenso, la medaglia per una sfida vinta. Se Iron Man è il Big Bang dell’MCU e The Avengers è il cuore pulsante, Infinity War ne è la testa che non aspetta altro di essere incoronata con il grande gioco finale: Endgame. Il vero SNAP! è quello che ci dice che dopo Infinity War il cinema supereroistico non sarà più lo stesso.

LEGGI ANCHE:  La Grande Bellezza e Il Grande Gatsby - Recensione in parallelo

Leggi anche: Avengers: Infinity War, 7 cose senza senso del film

2) I Guardiani della Galassia Vol. 2 (2017)

Guardiani della galassia

I Guardiani della Galassia sono uniti e lavorano anche come mercenari. Questo capitolo approfondisce tutti i rapporti e si trasforma in un film intimo dove Star-Lord incontra il padre, ha un rapporto stabile con Gamora e chiarisce i dissidi con Yondu. Si chiariscono i rapporti del passato di quest’ultimo con i Ravagers e la stessa Gamora approfondisce il legame con la sorella Nebula. Il piccolo Groot è una delle chicche del film. La colonna sonora resta su altissimi livelli. Insomma, squadra vincente non si cambia. I Guardiani della Galassia sono, probabilmente, l’idea più felice dell’MCU. Un’idea solida che non soffre neppure dei difetti che i capitoli di mezzo portano con sé e che lasciano ben sperare per il Vol. 3, che nonostante le numerose vicissitudini (leggi qui) sembra destinato a compiere il proprio destino: concludere la saga più bella dell’intero Marvel Cinematic Universe. Non aggiungiamo altro, ne parleremo più approfonditamente una volta arrivati in prima posizione. The winner is…in attesa di Endgame…è…

1) I Guardiani della Galassia (2014)

Gunn

Il primo film de I Guardiani della Galassia diretto da James Gunn è una vera e propria rivelazione. Il regista e sceneggiatore riesce a portare in sala personaggi per lo più sconosciuti e renderli incredibilmente veri e credibili nonostante l’ambientazione spaziale. Il film è un mix di azione e commedia che conquista il pubblico, anche con una colonna sonora indovinata. Guardiani della Galassia si può considerare come il primo film “spaziale” dell’MCU, dato che comunque Thor si svolge per la maggior parte del tempo sulla Terra.

LEGGI ANCHE:  Brad Pitt: Ad Astra in uscita nel 2019

Un film diretto in modo ottimale, con una fantastica colonna sonora e che si distacca in parte dagli stilemi del MCU, per provare a dare vita ad un qualcosa di nuovo all’interno dell’universo stesso. Un’opera antitetica sulla figura del super uomo e che si incentra sul rapporto d’amicizia tra i protagonisti. Un gruppo di personaggi dal passato traumatico, che rivedono nei loro compagni lo stesso tipo di dolore che li ha segnati. Un gruppo che nasce per necessità, più che per destino.

I Guardiani della Galassia è un fulgido esempio di come sia una scelta vincente far convergere un film prettamente di genere con la cultura Pop. Il primo volume della saga ha il merito di aver fatto avvicinare anche i neofiti all’MCU. Ha permesso al progetto di penetrare anche nei cuori degli spettatori più duri e puri, quelli che non hanno mai aperto un fumetto e che di solito storcono il naso dinanzi a tali prodotti. I Guardiani della Galassia è tipo la bella bionda che ha conquistato il cuore di tutti. Se possiamo dire con certezza che l’MCU era già un progetto vincente prima di GDG, dobbiamo anche affermare che dopo la sua uscita l’epopea ha raggiunto un pubblico planetario e diversificato. La mossa vincente che non ti aspetti. UGA CHAKA, UGA CHAKA.

Prima di congedarci, vi ricordiamo ancora una volta che la presente classifica verrà aggiornata non appena finirà il primo weekand di proiezione di Avengers: Endgame. Restate sintonizzati e non dimenticate di condividere su LaScimmiapensa.com le vostre personali classifiche. SNAP!

Iscriviti a Disney+ per guardare le più belle storie dai mondi Disney, Pixar, Marvel, Star Wars, National Geographic

Leggi anche: