I 10 migliori produttori discografici

7. Jeff Lynne

Nel 1970 Jeff Lynne fonda un gruppo, la Electric Light Orchestra, che si basa su un’idea molto semplice: strumenti orchestrali (archi, fiati, percussioni) più strumenti rock.

All’epoca ancora non si utilizzava la tecnologia digitale, e i produttori dovevano lavorare con forbici e nastro adesivo. Ciononostante, Jeff Lynne è riuscito a creare per la sua band un suono sorprendentemente pulito e calibrato, sperimentando una produzione di alto livello che garantiva qualità e musicalità al tempo stesso.

I risultati si possono sentire, per esempio, nella prima canzone del primo album del gruppo, 10538 Overture, recentemente inclusa nella colonna sonora del film American Hustle di David O. Russell.

Con gli anni Lynne è diventato uno dei più celebri e richiesti produttori della scena rock mainstream, specie per la sua generazione. Enorme è la sua influenza, negli anni ’80, su artisti come Tom Petty (Full Moon Fever, ve l’abbiamo accennato qui), George Harrison (Cloud Nine) e Roy Orbison.

È lui infatti a rilanciare la carriera di Harrison, scrivendo con lui la hit When We Was Fab, e quella di Orbison, per il quale compone un’altra hit, You Got It.

Negli anni ’90 si avvicina sempre più ai rimanenti Beatles, collaborando sia con Paul McCartney che con Ringo Starr. È proprio per i Beatles che nel 1995 produce due storici inediti, Real Love e Free as a Bird. Entrambe le canzoni sono basate su alcuni demo casalinghi registrati da John Lennon, il secondo dei quali è incompleto.

Anche in questo caso, il lavoro di Lynne è preciso e metodico: calcola la velocità giusta, registra le parti in più e mette insieme il tutto.