Starman: testo, traduzione e significato del brano simbolo di David Bowie [ASCOLTA]

Starman
Condividi l'articolo

Starman era e rimane la canzone più indimenticabile di David Bowie: ma ne conoscete il vero significato? Riscopriamolo insieme

There’s a Starman waiting in the sky…” Quell’uomo delle stelle era David Bowie, o meglio il suo alter-ego: Ziggy Stardust. Uno dei suoi tanti personaggi, ideato ad inizio anni ’70 come incarnazione glam rock di una figura da rockstar mitica, aliena in tutti sensi, ultraterrena per il pubblico che se la trovava davanti.

Un alieno che cerca di comunicare con il suo pubblico tramite la forza più potente che esista e l’unico vero linguaggio universale: la musica. Ma la forza del suo messaggio è letteralmente ultra-terrena e chi lo ode potrebbe restare completamente sconvolto. Questo il tipo di impressione che Bowie cerca di imprimere, anche nei suoi spettacoli, nel 1972.

Didn’t know what time it was
The lights were low, oh, oh
I leaned back on my radio, oh, oh
Some cat was layin’ down some rock ‘n’ roll

Lotta soul, he said

“Non so che ora fosse
Le luci erano spente
Mi rilassavo con la mia radio
Qualcuno stava sparando un po’ di rock and roll
Molto spirito, diceva lui”

Lo Starman si presenta dapprima alla radio, interferendo con le normali trasmissioni quasi come in un classico film di fantascienza. L’extraterrestre ha le sembianze di una normale rockstar, e di fatto all’epoca è come se le rockstar fossero effettivamente alieni: esseri eccezionali, che superano ogni regola e ogni aspettativa, quasi provenienti da un altro mondo.

LEGGI ANCHE:  Cillian Murphy regalò il cappello di Peaky Blinders a David Bowie

Questo è tanto più vero per David Bowie, trasformista eclettico dal carisma eccezionale e dalla presenza dirompente. Il suo pubblico non può effettivamente fare a meno di pensare di trovarsi di fronte ad un essere inumano, che annuncia l’arrivo dell’uomo delle stelle ma allo stesso tempo, convenientemente, ne veste i panni stessi.

Then the loud sound did seem to fade
Came back like a slow voice on a wave of phase
That weren’t no DJ
That was hazy cosmic trace

“Poi il suono rumoroso sembrò svanire
Tornò indietro come una lenta voce su un’onda di fase
Non c’erano DJ
Era una vaga traccia cosmica”

There’s a Starman waiting in the sky
He’d like to come and meet us
But he thinks he’d blow our minds
There’s a Starman waiting in the sky
He’s told us not to blow it
‘Cause he knows it’s all worthwhile
He told me
Let the children lose it
Let the children use it
Let all the children boogie

“C’è un uomo delle stelle che aspetta nel cielo
Vorrebbe venire ad incontrarci
Ma pensa che ci farebbe esplodere la testa
C’è un uomo delle stelle che aspetta nel cielo
Ci ha detto di non sprecare l’occasione
Perché sa che ne vale la pena
Mi ha detto
Lascia che i ragazzi perdano la testa
Lascia che i ragazzi la usino
Lascia che i ragazzi ballino”

LEGGI ANCHE:  David Bowie: un nuovo box set ad ottobre

L’alieno consegna ai giovani e agli appassionati il verbo della nuova era, che è musica rock ma è anche rivoluzione: l’elaborazione dei cambiamenti degli anni ’60 che nel decennio successivo porta ad una libertà mai vista, nei costumi, nell’arte, nella sessualità, nei media e persino nella vita di tutto i giorni.

E i giovani, destinatari di questo stravolgimento, devono reagire “brillando” a loro volta, comunicando con l’alieno come possono e, parte migliore del messaggio, cercando anche in sé eccezionalità e voglia di rendere la propria vita speciale in attesa dell’avvento di un nuovo mondo che a quel tempo, nel 1972, sembra davvero già quasi arrivato.

I had to phone someone, so I picked on you
Hey, that’s far out, so you heard him too!
Switch on the TV, we may pick him up on channel two
Look out your window, I can see his light
If we can sparkle, he may land tonight
Don’t tell your poppa or he’ll get us locked up in fright

“Dovevo telefonare a qualcuno, per cui ho scelto te
Ehi, è fuori dal mondo, quindi l’hai sentito anche tu!
Accendi la tv, potremmo beccarlo sul canale due
Guarda fuori dalla finestra, posso vedere la sua luce
Se potessimo brillare, lui potrebbe atterrare stanotte
Non dirlo a tuoi padre o ci chiuderà nella paura”

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente