I 10 migliori produttori discografici

 10. Danger Mouse

Brian Joseph Burton, meglio noto come Danger Mouse, è uno dei più importanti produttori contemporanei.

Già mostrava tutte le sue capacità quando è emerso, nel 2004, con lo split The Grey Album, nel quale mixava il White Album dei Beatles con il Black Album di Jay-Z.

Ben presto ha cominciato a lavorare nei più diversi ambiti, spaziando con disinvoltura tra rock e hip-hop ed influenzando pesantemente con il suo tocco inconfondibile gli album su cui ha messo mano.

Possiamo citare Demon Days dei Gorillaz, Modern Guilt di Beck, e l’ultimo album dei Red Hot Chili Peppers, The Getaway. Burton è diventato anche una sorta di terzo membro dei Black Keys, producendo album come Brothers e El Camino.

Quindi: Feel Good Inc? Danger Mouse. Dark Necessities? Danger Mouse. Lonely Boy? Danger Mouse.

Danger Mouse spicca sugli altri produttori contemporanei perché il suo lavoro si sente subito. Il suo modo di “regolarizzare” la musica, le sue influenze vagamente disco, le tastiere sottili che inserisce qua e là.

Non è finita. Il produttore ha anche lavorato a diversi progetti musicali, suonando attivamente come musicista. Vi ricordate quella hit del 2006, Crazy, degli Gnarls Barkley? Era sempre lui, con il cantante Cee-Lo Green. Burton ha anche fondato un gruppo indie rock, i Broken Bells, con James Mercer di The Shins, ed il progetto hip-hop Danger Doom con il rapper MF DOOM. L’ultima fatica? Woodstock dei Portugal. The Man.