12 Pessimi Film di Grandi Registi [LISTA]

Quando si fa un passo falso, nonostante una brillante carriera, è sempre una delusione. Eccovi dieci esempi: 10 pessimi film di grandi registi.

Condividi l'articolo

Alice in Wonderland, Tim Burton (2010)

10 pessimi film di grandi registi

Veniamo ora, come si intuisce dal titolo, alla rappresentazione della storia di Lewis Carroll: Le avventure di Alice nel paese delle meraviglie. Burton si affida ad un cast numeroso e pieno di volti promettenti: l’ovvio Johnny Deep, Anna Hathaway, l’ovvia e obbligatoria Helena Bonham Carter, Mia Wasiskowska.

Tutti conosciamo la vita della piccola Alice, finita in un mondo confuso e naif. Nel film di Burton, tutto ciò si traduce in un eccesso di colori e confusione quasi nauseabondo.

É frequente, nei film del regista, la costruzione di universi fantasiosi ed eccentrici, ma qui tutto è portato all’eccesso. L’uso smisurato degli effetti speciali salta immediatamente all’occhio: i volti degli attori sono talvolta irriconoscibili e stravolti dalla CGI, un vero pasticcio.

La storia, che doveva essere l’unica cosa solida del progetto, viene stravolta: Alice ha ormai diciannove anni e sta tornando per la seconda volta nel regno magico. Siamo sicuri che Lewis si sta rivoltando nella tomba.

LEGGI ANCHE:  Netflix: novembre da veri cinefili, ecco il calendario

Leggi anche: 10 attori che fanno sempre film brutti

The Million Dollar Hotel, Wim Wenders (2000)

10 pessimi film di grandi registi
A Los Angeles, in uno stravagante hotel, vivono personaggi davvero singolari: un agente di polizia (Mel Gibson) vi indagherà per un caso di omicidio.

Scritto da Nicholas Klein, da un soggetto dello stesso e di Bono Vox (il frontman degli U2), il film di Wenders è una storia patetica, melensa e soporifera. Il regista tedesco si intestardisce nel voler essere poetico a tutti i costi, finendo per diventare l’ombra di sè stesso.

La poesia non va oltre qualche ‘frase da Bacio Perugina’. Un Gibson spaesato e confuso non salva il film e a peggiorare le cose ci si mette Bono, autore della mediocre colonna sonora. Molto meglio l’ultimo Wenders documentarista. Il film fu inspiegabilmente e generosamente premiato con l’Orso d’argento a Berlino (Gran Premio della Giuria).