10 pessimi film di grandi registi

In collaborazione con un altro redattore della Scimmia, Ettore Bocci, oggi vi metteremo sotto gli occhi 10 pessimi film di grandi registi. E se qualche volta il progetto di partenza poteva sembrare interessante è stata la messa in scena a penalizzarlo completamente e talvolta si è trattato di un passo falso capace di sporcare un’ottima carriera. Cominciamo subito quindi con 10 pessimi film di grandi registi, in ordine sparso.

To Rome with Love di Woody Allen (2012)

10 pessimi film di grandi registi

ll film, come spesso decide Allen, si sviluppa in diverse storie con differenti personaggi, in questo caso quattro. Abbiamo la storia di Jack, coinvolto in una situazione spinosa a causa dell’amica della sua compagna Sally. Poi c’è Leopoldo, un uomo comune, che si ritrova improvvisamente proiettato in una spirale di fama immeritata. Lo stile di Allen è molto presente in questa pellicola, ma c’è qualcosa che stona. Le storie sono deboli, non appassionano. La capitale italiana è uno sfondo maestoso, che purtroppo non viene sfruttato al meglio. Nel cast, tra tanti nomi noti, figura anche Roberto Benigni, che non colpisce con la sua recitazione. Un personaggio già visto nei film di Allen, che risulta anonimo. Un esperimento mal riuscito, davvero un peccato, al contrario invece del film precedente a To Rome with Love, Midnight in Paris, questa volta ambientato nella capitale francese. Midnight in Paris si è rivelato un delizioso viaggio nel tempo, con una storia più avvincente. Purtroppo quando un regista è così produttivo come Allen, è inevitabile il passo falso di tanto in tanto. Con la nostra Roma però la delusione è davvero tanta.

10 pessimi film di grandi registi

Lucy di Luc Besson (2014)

10 pessimi film di grandi registi

Lucy è una giovane ragazza che ama divertirsi. Un giorno un suo amico le chiede di consegnare una valigetta, con un contenuto sospetto. La ragazza viene catturata così da un gruppo di malviventi ed obbligata a diventare un corriere per la droga. In seguito ad un trasporto illegale di sostanze, il contenuto di un sacchetto si rompe all’interno del suo corpo. Quest’ultimo le donerà capacità inaspettate e straordinarie. Besson toppa alla grande. Poche volte si assiste ad un film che inizia così bene e termina così male. L’idea di base, che poteva risultare interessante, viene completamente alterata e rovinata dalla messa in scena. L’uso del digitale è eccessivo e fastidioso, un chiaro esempio di come bisogna saper dosare gli effetti speciali per non creare un disastro. Sembra quasi impossibile che Lucy sia stato girato dallo stesso autore di Nikita e Leon. Purtroppo è così, e non poteva mancare nella lista di 10 pessimi film di grandi registi.