Oppenheimer, Nolan paragona il protagonista a Batman

Parlando con Total Film, Cristopher Nolan ha paragonato il protagonista di Oppenheimer a Batman

oppenheimer
Condividi l'articolo

Il 23 agosto arriverà al cinema  Oppenheimer, nuova fatica di Cristopher Nolan che vedrà Cillian Murphy nei panni di Robert Oppenheimer, fisico americano che con i suoi studi ha portato all’invenzione della bomba atomica (qui il Trailer). Il cineasta britannico ha recentemente parlato con Total Film di questa sua nuova impresa, spiegando i motivi che l’hanno portato a interessarsi di questa figura così particolare. Nolan ha spiegato che il suo interesse per Oppenheimer derivava dal fascino che prova per i “protagonisti che hanno ambiguità”

Penso che parlando di qualsiasi personaggio con cui ho avuto a che fare, Oppenheimer è di gran lunga il più ambiguo e paradossale. Il che, dato che ho realizzato tre film su Batman, la dice lunga.

Nolan ha elogiato la capacità di Cillian Murphy di incarnare un personaggio complesso, spiegando come l’attore irlandese fossel’unico in grado di gestirlo.

Non ci sono molti attori a cui potresti dire, in un film raccontato in prima persona: “Sì, staremo in questa persona per tre ore”. Stai facendo una richiesta che pochissimi attori nella storia del cinema possono soddisfare. Anche con quella fiducia che avevo in lui, mi ha sorpreso continuamente sul set, ogni giorno. E quando siamo entrati nella sala di montaggio e stavamo mettendo insieme la performance, e vedendo la verità, sono rimasto assolutamente sbalordito. 

Murphy, anche lui presente all’intervista, ha fatto eco ai sentimenti di Nolan, aggiungendo che il suo fascino per il personaggio è cresciuto solo una volta che ha superato i fatti storici superficiali e ha iniziato a scavare nella psiche di Oppenheimer.

LEGGI ANCHE:  Oppenheimer: il Teaser Trailer del nuovo film di Nolan [VIDEO]

Avevo una conoscenza di Oppenheimer a livello di Wikipedia, come la maggior parte delle persone – ha detto Murphy. Ho dovuto iniziare di nuovo da zero. Chris mi ha guidato. Bisognava farlo un passo alla volta. Dovevamo andare piano. E per fortuna abbiamo avuto tempo.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa