Cillian Murphy spiega il “digiuno” di Tom Shelby durante Peaky Blinders

L'attore ha rivelato il motivo durante una recente intervista.

Cillian Murphy
Cillian Murphy è Thomas Shelby in Peaky Blinders
Condividi l'articolo

Cillian Murphy è un noto attore che ha una carriera piuttosto vasta alle spalle: ricordato principalmente per essere l’attore feticcio di Christopher Nolan (sarà il protagonista di Oppenheimer, ma è apparso anche in Dunkirk, Inception e ne Il cavaliere oscuro e Il cavaliere oscuro – Il ritorno), sul piccolo schermo l’interprete è famoso per essere il protagonista dell’apprezzata serie Peaky Blinders, dove incarna il criminale irlandese Thomas Shelby, a capo di una banda nella Birmingham del primo dopoguerra.

Il personaggio, tra i più noti della serialità degli ultimi anni, ha sicuramente del carisma non solo per il suo carattere burrascoso e per la sua mente sempre rapida, ma anche per i sui innegabili vizi giornalieri. L’uomo, infatti, non solo è un accanito fumatore, ma anche un alcolizzato di primo livello (le stime dicono che la figura ha bevuto whisky per ben 213 volte nel corso della varie stagioni, un numero che è destinato a salire).

LEGGI ANCHE:  Sons of Anarchy: i 10 momenti che ci hanno fatto battere il cuore
cillian murphy in una scena di Peaky Blinders

Detto questo, molti si sono chiesti come mai non si è mai visto Tommy Shelby mangiare all’interno dello show, nonostante sia invece allenato parecchio nel bere. In una recente intervista per BBC Radio 1 (riportata da LADBible), lo stesso Cillian Murphy ha spiegato il motivo dietro quest’assenza.

“Ricordo che avevamo superato le prime due stagioni e poi ci siamo resi conto che Tommy non ha mai mangiato. Non abbiamo mai visto Tommy mangiare. Ad esempio, si è seduto ai tavoli, ma non ha mai mangiato un boccone”.

Questo aspetto, mano a mano che Peaky Blinders andava avanti, è diventato una sorta di gag sul set, tant’è vero che gli sceneggiatori, da quel momento in poi, non hanno più fatto mangiare Cillian Murphy. Se non altro ha sempre una bottiglia di un buon alcolico per sopperire a questa tragica mancanza e siamo sicuri che anche all’interno della sesta stagione, che vedremo quest’estate su Netflix, non sarà da meno.

LEGGI ANCHE:  XIII Emendamento, la recensione del documentario da Oscar