Friends, Jennifer Aniston: “Oggi è ritenuta offensiva”

Parlando con l'Associated Foreign Press, Jennifer Aniston è intervenuta sul problema di Friends, oggi ritenuto offensivo

rachel green, friends, jennifer aniston
Jennifer Aniston è Rachel Green in Friends
Condividi l'articolo

Friends è una delle sit-com più amate di tutti i tempi e i suoi personaggi sono divenuti colonne portanti della cultura pop. Tuttavia negli ultimi anni da più parti sono piovute critiche sullo show, attaccato per la sua mancanza di inclusività. Jennifer Aniston, una delle protagoniste, ha parlato di questa cosa con l’Associated Foreign Press, dicendosi preoccupata della situazione della comicità attuale.

C’è un’intera generazione di persone, bambini, che guardano oggi gli episodi di Friends e li trovano offensivi – ha detto la Aniston. Alcune cose non erano mai state intenzionali e altre… beh, avremmo dovuto pensarci bene, ma non credo che ci fosse una sensibilità come quella di adesso.

La commedia si è evoluta, i film si sono evoluti. Ora è tutto più complicato perché devi stare molto attento, il che rende davvero difficile il lavoro per i comici, perché la bellezza della comicità è che prendiamo in giro noi stessi, prendiamo in giro la vita. Una volta potevi scherzare su un bigotto e farti una risata. Che era stato isterico. E serviva per educare il pubblico su quanto fossero ridicole le persone, e ora non ci è permesso farlo.

Tutti hanno bisogno di divertimento! Il mondo ha bisogno di ridere! Non possiamo prenderci troppo sul serio. Soprattutto negli Stati Uniti. Siamo tutti troppo divisi

Recentemente anche Marta Kauffman, co-creatrice di Friends aveva parlato della mancanza di diversità del suo show, dicendosi imbarazzata.

LEGGI ANCHE:  Friends, David Schwimmer vuole un reboot "afroamericano o asiatico"

Mi ci è voluto molto tempo per iniziare a capire come avevo interiorizzato il razzismo sistemico – aveva detto al Los Angeles Times. Ho lavorato sodo per diventare un alleato, un antirazzista. E questa donazione mi sembrava un modo di dare il mio contributo dal punto di vista di una donna bianca. È stato dopo quello che è successo a George Floyd che ho iniziato a lottare contro il fatto di aver accettato il razzismo sistemico in modi di cui nenache sapevo. Quello è stato davvero il momento in cui ho iniziato a esaminare i modi in cui avevo partecipato. Sapevo che dovevo correggere il tiro. Io voglio profondamente, profondamente questa connessione con la comunità nera che non ho avuto. A causa di Friends, non l’ho mai raggiunta

Ho imparato molto negli ultimi 20 anni – ha continuato la Kauffman. Ammettere e accettare di aver sbagliato non è facile. È doloroso guardarsi allo specchio. Sono imbarazzata di non averlo saputo 25 anni fa. Ora sento di essere stata finalmente in grado di fare la differenza in questo ambito. Devo dire che, dopo aver accettato questa cosa e dopo che ho smesso di sudare, non mi sono sentita alleggerita, ma sollevata. Ma finché nella mia prossima produzione non riuscirò a fare per bene un lavoro sull’inclusione, non sarà finita. Voglio assicurarmi d’ora in poi in ogni produzione che realizzo di essere consapevole di assumere persone di colore e di ricercare attivamente i giovani scrittori di colore. Voglio sapere che d’ora in poi agirò diversamente. E poi mi sentirò libera

Che ne pensate? Ritenete Friends offensivo?

LEGGI ANCHE:  10 serie da vedere se avete amato Friends [LISTA]

Seguiteci su LaScimmiaPensa