Matthew Perry, hackerano il suo account X e chiedono denaro

Negli scorsi giorni una falsa fondazione ha hackerato il profilo di Matthew Perry e ha tentato di truffare i suoi fan chiedendo soldi a suo nome

Matthew Perry
YouTube / Matthew Perry shares his incredible story of survival and why fame wasn't the answer to his problems
Condividi l'articolo

Hackerato il profilo social di Matthew Perry

La morte di Matthew Perry lo scorso ottobre è stata traumatica per tutti i fan suoi e quelli della famosissima serie sit-com, Friends, che tra gli anni ’90 e i primi 2000 è diventata popolare con ben 10 stagioni. L’attore e star ha avuto una vita abbastanza difficile: anche la fama inaspettata è stata la causa delle dipendenze da droga e alcol che hanno funestato l’interprete di Chandler Bing. Tutti erano sconvolti dal ritrovamento del suo corpo nella vasca da bagno, ultimo triste capitolo che, purtroppo, adesso ha anche uno spiacevole epilogo.

Infatti, sembra che l’account X (ex Twitter) di Matthew Perry sia stato hackerato negli ultimi giorni. Sono parsi sospetti i post pubblicati da parte di una fondazione proclamatasi in onore della star defunta. Nella parte superiore del profilo è stato appuntato un link che rinviava a un sito duplicato. Nel testo si invitava i fan a donare soldi in onore dell’attore per questa fondazione che alla fine si è rivelata falsa e fraudolenta.

LEGGI ANCHE:  Friends, David Schwimmer non ha dubbi: "Ross e Rachel avevano rotto" [VIDEO]

Di conseguenza, sono partite delle segnalazioni che sono arrivate alla Matthew Perry Foundation. In un post hanno annunciato: “Abbiamo ricevuto segnalazioni secondo cui la pagina X ufficiale di Matthew è stata violata e sta indirizzando gli utenti verso un sito fraudolento che sollecita donazioni tramite criptovaluta. Si prega di non effettuare donazioni a questo sito e di non condividere post fraudolenti sui social media. MatthewPerryFoundation.org è l’unico sito web associato alla Fondazione e accettiamo donazioni solo tramite questo sito.”

E voi, cosa ne pensate?

Fonte: MatthewPerryFoundation

Continuate a seguirci su LaScimmiaPensa