Top Gun: Maverick, Pete Mitchell è morto per tutto il film

Una gettonata teoria vorrebbe che Pete Mitchell sia morto durante tutto l'arco di Top Gun: Maverick. Il regista apprezza

Top Gun: Maverick
Condividi l'articolo

Top Gun: Maverick è il maggior successo economico di questo 2022. Il film con protagonista Tom Cruise sta sbriciolando ogni record economico e veleggia ancora verso i primi posti delle classifiche del box office mondiale di sempre. Ovviamente, quando un film diventa così importante, iniziano a fioccare teorie. Alcune convincenti, altre molto meno. Tuttavia quella che vi presentiamo oggi, pensata da Vulture, appartiene decisamente alla prima cateogoria. Ah, ovviamente, Spoiler.

Il film inizia con il nostro protagonista che raggiunge la velocità Mach 10, cosa mai accaduta prima nella storia. Tuttavia il test fallisce e l’aereo si sfracella nella stratosfera e tutti pensano che ormai il prode Pete Mitchell sia morto. Tuttavia lo ritroviamo pochi secondi dopo miracolosamente illeso mentre beve un bicchiere d’acqua in un bar. Maverick viene quindi reclutato per guidare la nuova generazione di reclute Top Gun in una missione in cui la morte è più che probabile. 

Alla fine di Top Gun: Maverick, Pete Mitchell fa ammenda con Rooster (Miles Teller), il figlio della sua migliore amica Goose, che si è risentito per lui per aver ritirato i suoi fascicoli all’Accademia navale degli Stati Uniti. Mentre i due rischiano la vita l’uno per l’altro nella missione finale, tornano in buoni rapporti con una dinamica padre-figlio ormai sedimentata. Nel frattempo, Pete ha ripreso la sua storia d’amore con Penny (Jennifer Connelly) e ha giurato a sua figlia, Amelia, che non le spezzerà più il cuore. Dunque ogni cosa va al suo posto e il nostro protagonista ottiene il’agognato lieto fine. Tuttavia, secondo questa teoria, tutta la vicenda successiva all’incidente aereo iniziale non è mai realmente accaduta.

LEGGI ANCHE:  Top Gun: Maverick, ecco il nuovo Trailer [VIDEO]

Tutto il film sarebbe dunque un visione onirica nella quale Maverick, prima di entrare nell’aldilà, fa i conti con la sua mortalità immaginando una vita e un futuro felici sia per se stesso che per le due persone che ama di più che ha ferito. Quando l’Iceman di Val Kilmer gli dice di “lasciar andare” Rooster e le sue riserve sulla missione, potrebbe essere stato solamente un modo con cui Maverick si è detto da solo che ha bisogno di lasciar andare i suoi errori per andare avanti e morire. Tuttavia lo ha fatto dire a Iceman poichè ha molto riguardo verso la sua opinione. Maverick avrebbe sentito il bisogno di chiarire i suoi errori con Rooster e Penny prima di morire, ma questa teoria suggerisce che l’unico modo per farlo fosse in una realtà immaginata.

Questa teoria su Top Gun: Maverick cita anche come l’atmosfera e l’umore del film siano surrealmente onirici quando Pete torna nella soleggiata San Diego. Inoltre, la missione principale del film rivela irrealisticamente che l’unica persona che può davvero realizzarlo è lo stesso Maverick, con il nemico senza nome del sequel incongruente con qualsiasi nazione che possa essere nominata.

LEGGI ANCHE:  Top Gun: Maverick, ecco il trailer ufficiale del sequel del film con Tom Cruise

Questa teoria è stata apprezzata anche dallo stesso regista del film, Joseph Kosinski che ha dichiarato a THR:

I film sono pensati per essere interpretati in vari modi e adoro quando le persone ci leggono significati diversi. Quindi mi piace ascoltare quella teoria e, certamente, c’è un tipo di elemento mitico nella storia che penso si presti a quel tipo di interpretazione, basata su chi è Maverick e cosa rappresenta e sul fatto che sta attraversando questo rito di passaggio in una fase diversa della sua vita. Quindi mi piace quella teoria. I film sono cose che devono essere interpretate a modo tuo e basate su come vedi il mondo e le esperienze che hai avuto. Quindi non la smentirò. È un’interpretazione davvero interessante della storia.

Che ne pensate? Vi convince? Ditecelo nei commenti.

Avatar di Matteo Furina
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.