Grease, 10 curiosità sul film con Olivia Newton-John [LISTA]

Ecco alcune curiosità che, forse, non conoscete su Grease, il film più amato di dame Olivia Newton-John

Grease
Condividi l'articolo

Come era facilmente intuibile, all’alba della morte di Olivia Newton-John (qui potete leggere le parole commosse di John Travolta), il palinsesto televisivo è stato modificato per ricordare l’attrice con il suo ruolo più famoso: Grease.

La pellicola, diventata un vero e proprio cult della settima arte, verrà trasmessa stasera in tv in prima serata su Italia 1, di modo che i tantissimi spettatori possano dire di nuovo addio all’interprete di Sandy, che nel corso della sua carriera ha avuto anche una brillante carriera come cantante e performer.

Grease, la trama

Grease – Brillantina è un film che non ha bisogno di presentazioni e che probabilmente tutti conoscono già. Per i pochi che, invece, non ne avessero mai sentito parlare la pellicola di Randal Kleiser parla della storia tra Sandy (Olivia Newton-John) e di Danny (John Travolta).

I due si conoscono d’estate e vivono una splendida storia d’amore, ma con la fine delle vacanze estive Sandy si prepara a tornare in Australia, dove vive. Tuttavia, con massima sorpresa di Danny, il primo giorno di scuola Sandy si presenta al suo stesso liceo, asserendo che i suoi hanno deciso di trasferirsi negli Stati Uniti.

Peccato che Danny, a scuola, sia ben diverso dal ragazzo conosciuto in spiaggia: il ragazzo, leader dei T-Birds ha una reputazione da conservare e non può farsi vedere in giro con una ragazza pacata ed educata come Sandy.

LEGGI ANCHE:  Anni '70: 21 film da ricordare

La ragazza, aiutata anche dalle Pink Ladies, cercherà allora il modo per conquistare Danny e fargli capire che lui è l’unico che lei vuole.

In occasione del passaggio televisivo di Grease abbiamo deciso di raggruppare alcune delle curiosità e degli aneddoti del film con Olivia Newton-John.

Curiosità su Grease

Un omicidio nel musical

Nel musical teatrale la canzone dal titolo Look at me, I’m Sandra Dee aveva un riferimento a Sal Mineo, che venne uccisa nel 1976. Per il film il testo del brano venne modificato con un riferimento a Elvis.

Per un macabro scherzo del destino la scena delle festa e la conseguente canzone vennero filmati il 16 agosto 1977, il giorno in cui Elvis morì.

I succhiotti di Rizzo

Secondo un’intervista che l’attrice Stockard Channing ha rilasciato, i succhiotti che compaiono sul collo del personaggio di Rizzo erano reali.

Secondo quanto detto deall’interprete, Jeff Conaway insistette per farglieli lui stesso.

L’amore di Jeff Conaway

Secondo una leggenda dal set, Jeff Conaway era così innamorato di Olivia Newton-John da non riuscire a parlare in sua presenza.

Più tardi l’attore avrebbe sposato la sorella dell’interprete di Sandy, Rona Newton-John.

LEGGI ANCHE:  10 promesse del cinema scomparse dai riflettori

Hopelessly Devoted to… Olivia Newton-John

La canzone Hopelessly Devoted to you venne girata quando le riprese di Grease erano già concluse.

Il contratto di Olivia Newton John, infatti, prevedeva che l’attrice e cantante avesse un assolo all’interno della pellicola. Tuttavia nessuno sembra avere un’idea per un brano dedicato solo a Sandy.

Le cose cambiarono quando il produttore di Olivia Newton-John si presentò con Hopelessly Devoted To You a metà produzione. Randal Kleiser, tuttavia, all’inizio non sapeva se inserire o meno il brano.

Alla fine si convinse a usarlo e il brano ottenne una nomination ai premi Oscar. L’unica ottenuta da Grease.

Grease e i sequel

All’inizio, visto il successo ottenuto dal primo film, si pensò di fare ben tre sequel della pellicola, nella speranza di replicare il successo ottenuto al botteghino.

Tuttavia, quando nel 1982 arrivò Grease 2, il flop fu così inatteso da spingere lo studio a cancellare qualsiasi ipotesi di altri sequel.

Nel 2002, comunque, Didi Conn, Olivia Newton-John e John Travolta spinsero per avere un sequel di Grease, che avrebbe seguito i protagonisti della prima pellicola in un altro decennio, come gli anni ’70 o gli anni ’90. La lavorazione della pellicola, però, non andò mai oltre.