“Gli anelli del Potere non influenzata dalla politica” dice l’autore

Gli showrunner de Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere hanno spiegato che lo show non sarà influenzato dalla politica

il signore degli anelli: gli anelli del potere
Condividi l'articolo

Il prossimo 2 settembre arriverà su Amazon Prime Video Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere, nuovissima serie ambientata nell’Universo Narrativo creato da J.R.R. Tolkien (qui il trailer). Si tratta sicuramente di uno degli eventi seriali più attesi dell’anno e i moltissimi fan del grande scrittore britannico sono in fremente attesa di sapere se questo nuovo show sarà almeno all’altezza della leggendaria trilogia firmata da Peter Jackson. In particolare una questione spesso stata sollevata numerose volte sui forum online riguarda il fatto che la politica moderna potrebbe influenzare la storia. Non sarà così.

Questo è stato uno dei punti di discussione di Tolkien con CS Lewis, il suo amico e collega – ha detto il co-showrunner Patrick McKay a Total Film. Era molto importante che ciò che stava creando non fosse un’allegoria. Non stava commentando eventi storici del suo tempo o di un altro tempo. Non stava cercando di trasmettere un messaggio che parlasse alla politica contemporanea. Voleva creare un mito che era senza tempo e sarebbe applicabile – questa era la sua parola, ‘applicabile’ – l’applicabilità attraverso i tempi.

Ogni singola scelta che abbiamo fatto in ogni momento della realizzazione di questo spettacolo è stata quella di essere fedeli a quell’aspirazione, perché è quello che vogliamo come spettatori. Non vogliamo adattare il materiale in un modo che potrebbe sembrare datato. Aspiriamo a essere senza tempo. Ecco perché questi libri parlano ancora così tanto alle persone, perché così tanto di ciò che contengono non è invecchiato di un giorno. E aspiriamo a fare la stessa cosa. E penso che sentiamo che una volta che le persone vedono lo show, e vedere quali sono le storie, i personaggi e i mondi nel contesto, si sentiranno allo stesso modo

Un altro punto di discussione riguardante la serie riguarda la sequenza temporale accelerata nella quale è ambientata la serie. Piuttosto che far durare la Seconda Era per migliaia di anni, gli showrunner hanno condensato la storia, altrimenti gli umani sarebbero morti tra gli episodi (a causa della loro breve vita) e solo i personaggi elfici sarebbero stati in ogni stagione. È stata presa in considerazione una serie non lineare, ma ciò, spiega McKay, avrebbe impedito al pubblico di investire emotivamente nella serie. 

LEGGI ANCHE:  Gli Anelli del Potere - ecco i nuovi eroi della Terra di Mezzo

Che ne pensate?