Il Signore degli Anelli, Simon Tolkien è stato consulente per la serie

Simon Tolkien, nipote di J.R.R., ha lavorato come consulente in Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere per Amazon

il signore degli anelli: gli anelli del potere
Condividi l'articolo

Il prossimo 2 settembre arriverà su Amazon Il Signore degli Anelli: Gli anelli del potere, nuovissima serie ambientata nell’Universo Narrativo creato da J.R.R. Tolkien (qui il trailer). Il mondo è in fremente attesa di tornare nella Terra di Mezzo anche se la paura di trovarsi davanti un prodotto che snaturi le linee guida tracciate dal grande scrittore è presenza in modo massiccio. Per questo motivo la piattaforma di Jeff Bezos ha deciso di reclutare Simon Tolkien, nipote di J.R.R., come consulente. Gli showrunner JD Payne e Patrick McKay, parlando con Entertainment Weekly, hanno affermato che l’uomo ha avuto un ruolo chiave nell’aiutare a plasmare la storia dello show e lo sviluppo dell’arco dei personaggi, soprattutto data la sua esperienza e comprensione del lavoro di suo nonno.

La prima volta che abbiamo incontrato Simon Tolkien, abbiamo dovuto darci un pizzicotto e poi eccoci qui, seduti dall’altra parte del tavolo rispetto al nipote di JRR Tolkien in persona – spiega McKay. E quello è stato solo l’inizio di quello che si è rivelato un dialogo estremamente arricchente e gratificante. Le sue intuizioni, l’attenzione ai dettagli e la passione sia per i personaggi che per l’architettura generale de  Il Signore degli Anelli sono intrecciate nelle pagine della nostra storia. Lavorare con Simon è stata l’esperienza di una vita.

In una dichiarazione rilasciata a EW, Simon Tolkien ha celebrato la partnership, dicendo:

LEGGI ANCHE:  Gli Anelli del Potere: l'interprete di Galadriel risponde alle critiche

Mi è piaciuto assistere Amazon Studios in relazione alla serie, e in particolare fornire input a JD Payne e Patrick McKay su questioni tra cui la scrittura originale di mio nonno

Invece di adattare un romanzo di Tolkien esistente, Gli anelli del potere si concentrerà sulla Seconda Era, un arco di tempo epico accaduto migliaia di anni prima de Il Signore degli Anelli o Lo Hobbit. Tolkien la ha raccontata nelle appendici de Il Signore degli Anelli. McKay e Payne hannoa ffermato di aver colto al volo l’occasione di esplorare storie come la prima ascesa al potere di Sauron e la forgiatura originale dell’Unico Anello.

Non eravamo interessati a fare uno show sulla versione più giovane dello stesso mondo che conoscevi, che sarebbe stato un po’ un prequel – aveva detto in precedenza McKay a EW . Volevamo andare molto, molto, molto indietro e trovare una storia che potesse esistere da sola. Questa era quella che sentivamo non era stata raccontata sul livello e sulla scala e con la profondità che sentivamo meritata.

Che ne pensate?

LEGGI ANCHE:  Gli Anelli del Potere: Amazon blocca le Recensioni degli utenti