Thor: Love and Thunder, Christian Bale svela le ispirazioni per il suo Gorr

Parlando con Comicbook, Christian Bale ha rivelato le ispirazioni da cui ha attinto per il suo Gorr in Thor: Love and Thunder

thor love and thunder, gorr, nosferatu
Condividi l'articolo

Il prossimo 6 luglio arriverà nelle sale Thor: Love and Thunder, terzo capitolo della saga del Dio del Tuono diretto da Taika Waititi e con protagonisti Chris Hemsworth Tessa Thompson. Il villain, il temibile Gorr, Il Macellatore di Dei, sarà interpretato da niente meno che Christian Bale. Nei vari trailer (qui l’ultimo) questo sanguinolento personaggio è apparso decisamente spaventoso e pronto a creare non pochi problemi al Dio norreno.

Parlando con Comicbook, l’attore premio Oscar per The Fighter si è detto lusingato dal fatto che alcuni critici abbiano paragonato la sua performance nei panni del Macellatore di Dei a quella di Heath Ledger nei panni del Joker in Il cavaliere oscuro. Tuttavia ha rivelato di non aver preso ispirazione da quello specifico lavoro per la sua interpretazione.

C’è ispirazione in così tanti posti da cui potresti attingere da non renderti conto di star traendo ispirazione. Ma molto direttamente, sai, ho guardato Nosferatu e ho guardato il video musicale di Come to Daddu di Aphex Twin, che è uno dei preferiti mio e di Taika. 

Il video musicale in riferimento, presenta un essere dalla pelle pallida con proporzioni corporee che non sono tradizionali ossessiona una donna con denti appuntiti e inaturali. Gorr presenta un design decisamente simile.

LEGGI ANCHE:  Christian Bale fu contattato per un ruolo in Solo: A Star Wars Story

Comprendere il cattivo sarà la chiave per il pubblico che vedrà Thor: Love and Thunder. E questo è un qualcosa al quale Bale e Waititi hanno dato decisamente peso. Proprio come Thor del Marvel Cinematic Universe, anche Gorr ha perso molte cose importanti dalla sua vita e Bale vede i parallelismi tra i due personaggi. 

Sì, assolutamente. E sono approcci molto diversi per affrontare quel dolore, ovviamente, con molto umorismo, così come lo è la genialità di Taika. Poi, toccando con grande sincerità il tema del modo in cui affrontare il dolore, l’amore e la perdita, eccetera. E penso che le persone scopriranno che questo non è solo un inferno di montagne russe, ma è solo un grande momento sia divertentissimo che anche molto commovente.

Che ne pensate?