Jackass, Steve-O vuole farsi impiantare delle protesi mammarie

Steve-O, star di Jackass, durante l'ultimo episodio del suo podcast, ha rivelato di volersi far impiantare delle protesi mammarie

Steve-O
Credits: Steve-O's Wild Ride! - Podcast / YouTube
Condividi l'articolo

Quando si parla di Jackass, lo sappiamo, la follia è la caratteristica fondamentale che guida ogni gesto di Johnny Knoxville e soci. Tuttavia dopo molti anni ad alzare l’asticella sempre di più, è difficile per i nostri folli interpreti trovare qualcosa che stupisca il loro pubblico. Per questo Steve-O ha rivelato di aver intenzione di farsi impiantare delle protesi mammarie per portare ancora più in là la pazzia delle sue esbizioni.

Sono arrivato a un punto con tutte le mie folli buffonate che l’asticella è così in alto che sto effettivamente pianificando il mio prossimo tour – ha detto al dottor Terry Dubrow, chirurgo plastico, durante l’ultima pintata del suo podcast Steve-O’s Wild Ride . E per il mio prossimo tour che ho deciso si chiamerà tour ‘Steve-O’s Gone Too Far’, sto solo cercando di essere più pazzo che mai, e una delle mie idee è quella di farmi impiantare delle protesi mammarie

Steve-O ha anche detto che gli piacerebbe far filmare tutto il lavoro sulle protesi mammarie nel corso di diversi mesi e mostrare il filmato durante i suoi spettacoli dal vivo. Ha anche dichiarato che gli piacerebbe alzare ulteriormente il livello utilizzando le protesi più grandi possibile. Tuttavia la star di Jackass non vuole passare il resto della sua vita con le protesi. Per questo ha chiesto al dottore suo ospite quanto tempo potrebbe tenerle senza ripercussioni.

LEGGI ANCHE:  Jackass: Steve-O vuole darsi al rap [VIDEO]

Il dottor Dubrow ha suggerito che Steve-O “probabilmente potrebbe fare una D o una doppia D”, ma ha avvertito che tenerle per sei mesi oltre rischiava di far perdere il punto in cui la sua pelle si sarebbe ritratta alla sua vecchia forma. Il chirurgo plastico ha anche raccomandato di utilizzare le coppe C e di farle rimuovere tra tre e sei mesi dopo aver ottenuto gli impianti per evitare “una procedura di riduzione della pelle e un mucchio di cicatrici”.

Che ne pensate?