I Radiohead condividono il primo video su TikTok ed è da brividi [VIDEO]

TikTok. Tick tock, tick tock, tick tock...

Radiohead
Credits: Unofficial Radiohead Interview Public Library / YouTube
Condividi l'articolo

I Radiohead aprono un account su TikTok ma lo usano a modo loro

Sì, i Radiohead sono sbarcati su TikTok. Ma no, sulla pagina del loro account non potete vedere balletti, nemmeno quelli di Thom Yorke nel vecchio video di Lotus Flower. Invece, quello che ci si presenta è un inquietante sorta di proclama che sembra di venire da un episodio di Black Mirror.

Il personaggio che vediamo, la cui figura è distorta in modo da renderlo irriconoscibile, si chiama Chieftain Mews. Costui sembra essere in posa da mezzobusto televisivo, in procinto di leggere le notizie in diretta telegiornalistica.

Dietro di lui vediamo una gigantografia del famoso logo della band inglese, mentre in sottofondo si ode chiaramente Paranoid Android (1997), uno dei loro brani più famosi. Cosa sta per succedere? L’atmosfera è distopica e inquietante.

A confermarlo è il contenuto del “messaggio”, se tale si può definire. L’uomo esordisce guardando fuori campo e chiedendo: “Bé, che cosa volete che dica?” Una voce risponde: “Dì qualcosa”. A questo punto Mews (anagramma di News?) guarda in camera e si produce in un gioco di parole grottesco.

LEGGI ANCHE:  Thom Yorke e Jonny Greenwood formano un side-project

“TikTok” dice, enunciando il nome della piattaforma stessa dalla quale sta comunicando. E poi: “Tick tock, tick tock, tick tock”. Lo scandire inesorabile del tempo o, più fumettisticamente, il timer di una bomba a orologeria d’altri tempi. Sì, dobbiamo avere paura, è chiaro.

“Questo è il vostro campanello d’allarme” dice poi Mews “Vi auguro una buona giornata”. Da brividi, ma cosa c’è dietro? Questo messaggio serve ad annunciare l’arrivo di un nuovo album dei Radiohead, o si tratta solo di un pesce d’aprile? Teniamo gli occhi bene aperti.

Fonte: New Musical Express

Scrivo di musica, cultura, arte, spettacolo e cinema. Ho pubblicato su Cinergie, Digressioni, Radio Càos, Rock and Metal in My Blood.