Eddie Vedder ricorda Chris Cornell con la figlia di lui, Lily [VIDEO]

Eddie Vedder ricorda Chris Cornell riflettendo sulla sua eredità e parlando con la figlia, Lily, di come affrontare la perdita

Eddie Vedder
Credits: Romina Souza / YouTube

Il toccante ricordo di Eddie Vedder del collega ed amico scomparso, e la lezione che gli ha lasciato

Eddie Vedder ricorda la memoria di Chris Cornell nel podcast video Mind Wide Open, iniziato dalla figlia orfana del cantante scomparso, Lily. Un progetto iniziato proprio per parlare di salute mentale, quella stessa che ha deciso infine il gesto estremo di Cornell.

Vedder e Cornell sono sempre stati molto vicini, sia professionalmente che musicalmente. Provenendo dalla stessa scena, quella grunge della città di Seattle, hanno collaborato in molteplici occasioni.

La loro collaborazione più notevole rimane quella nell’ambito del progetto Temple of the Dog, supergruppo grunge di inizio anni ’90. Naturalmente poi, come cantanti e leader rispettivamente di Pearl Jam e Soundgarden, hanno ciascuno a suo modo definito il successo del genere.

E come amico di famiglia, Vedder si spinge a parlare di cordoglio e lutto con Lily, confrontando la sua esperienza con la propria in occasione della tragedia al Festival di Roskilde nel 2000. In quella occasione, come sa ogni fan dei Pearl Jam, nove fan rimasero uccisi per soffocamento durante l’esibizione della band.

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Lily Silver (@lilycornellsilver) in data:

Eddie Vedder e Lily Cornell ricordano la leggenda del grunge scomparsa

“Oggi è pazzesco parlarne [di Roskilde]” racconta Vedder “Perché poco prima di salire sul palco ricevemmo la notizia che i nostri cari amici Chris e Susan avevano appena avuto una bambina, e il suo nome era Lily. E piangemmo lacrime di gioia”.

“Salimmo sul palco con te nelle nostre menti, e ci sentivamo emozionati… e poi, quaranta minuti dopo l’inizio del concerto, ecco quella terribile tragedia” spiega Vedder a Lily, che oggi ha vent’anni, e come tutti sta cercando con difficoltà di superare la morte del padre.

Vedder prosegue a riflettere sul fatto di essere rimasto l’unico vivo dei quattro cantanti grunge più famosi dell’epoca. “Tuo padre” dice sempre a Lily” Lui ovviamente aveva la musica, e le sue erano liriche oscure, e quelle di Kurt [Cobain] erano liriche oscure, e quelle di Layne [Staley] erano liriche oscure”.

“Questa non era gente che faceva tipo: ‘Ora farà finta di scrivere una canzone tenebrosa’. Era vero per tutti quanti. Ricordo il nostro primo disco, c’era un sacco di roba triste. E pensavo: è deprimente che decine di milioni di persone si riconoscano in questo, ma alla fine probabilmente è stata una cosa salutare per tutti“.

Fonte: Consequence of Sound

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia sente, la Scimmia fa.