Jonah Hill è l’attore che impreca di più in assoluto: lo dice la scienza

Attori, film e profanità: ecco alcuni numeri da sondaggio; Jonah Hill spicca su tutti

Jonah hill, the wolf of wall street
Jonah Hill in una scena di The Wolf of Wall Street
Condividi l'articolo

Jonah Hill sarebbe, nei film, molto più sboccato di tutti i suoi colleghi. Ecco perché

Jonah Hill è un attore che ha, in pochi anni, sicuramente compiuto una carriera eccezionale. Dalla teen comedy di culto Superbad (2007) al capolavoro The Wolf of Wall Street di Martin Scorsese (2013) e fino all’ottima mini-serie Maniac di Cary Fukunaga (2018), il suo nome è diventato sempre più rispettato nel circuito attoriale. Di pari passo è andato crescendo il realismo delle sue performances, rispettando esigenze di recitazione di ogni tipo: comprese le espressioni di volgarità e profanità varie. Proprio quest’ultimo è l’aspetto sul quale si sofferma un sondaggio di Buzz Bingo, che ha analizzato più di 3500 sceneggiature per individuare quale sia il film con più imprecazioni di ogni altro.

E anche, sfruttando l’occasione, per individuare l’attore più “sboccato”. E non ci sono dubbi: The Wolf of Wall Street trionfa, con ben 715 epiteti e sfoghi volgari. Molti ci sono arrivati vicini, per esempio il recente Uncut Gems, con 646 “parolacce”; il resto della lista comprende, non sorprendentemente, film con nomi come Samuel L. Jackson, Al Pacino, Denzel Washington, Seth Rogen. Anche il podio attoriale appartiene al film di Scorsese: in The Wolf of Wall Street la quantità di profanità proferite da Jonah Hill sale vertiginosamente a quota 376, battendo di poco Leonardo Di Caprio, che nello stesso film arriva a 361. Sappiamo che il cinema americano non le manda a dire in termini di contenuti espliciti: se serviva una conferma, eccola qui.

LEGGI ANCHE:  Sausage Party: tutto quello che vi siete persi se lo avete visto in italiano

Fonte: Variety

Continuate a seguirci sulla nostra pagina Facebook ufficiale, La Scimmia pensa, la Scimmia fa.