Kanye West dice che gli ebrei gli piacciono “di nuovo” grazie a Jonah Hill [FOTO]

Kanye
Condividi l'articolo

Risolto il problema antisemitismo di Kanye West: è bastato un film con Jonah Hill del 2012

“Guardare Jonah Hill in 21 Jump Street mi ha fatto piacere gli ebrei di nuovo”, dice Kanye West. Potrà sembrare una dichiarazione surreale, ma viene da un personaggio che ormai ci ha abituati ad ogni tipo di uscita bislacca e controversa. E a quanto pare è bastata la semplice recitazione di Jonah Hill (che di cognome fa Feldstein) nel buddy movie del 2012 per fargli cambiare idea.

Infatti mesi addietro ye si era espresso in una sfilza di affermazioni antisemite molto discusse e polemiche, che gli hanno quasi comportato di essere cancellato. Ma, a quanto pare, con questo film si è ricreduto: “Nessuno dovrebbe prendere la rabbia contro uno o due individui e trasformarla in odio contro milioni di persone”. Bene, alla fine ci è arrivato anche lui.

“Nessun cristiano può essere etichettato come antisemita sapendo che Gesù è ebreo” prosegue Kanye nel postare su Instagram il poster del film e richiamando la sua vecchia monomania (difficile dire se si tratti di fede, a questo punto) nei confronti del Salvatore e della religione cristiana, espressa in più fasi anche nella sua musica.

LEGGI ANCHE:  Jonah Hill dimagrito visibilmente: "Finalmente mi amo" [FOTO]

E conclude: “Grazie Jonah Hill, ti voglio bene”. Ecco, ci voleva tanto? Bastava un bel film comico poliziesco basato su una serie anni ’80 (e come bonus nel cast c’è pure Channing Tatum) per sconfiggere le improbabili convinzioni di ye. Qualcuno ha anche commentato: “Se solo avessimo avuto questo film durante la Seconda Guerra Mondiale”.

Fonte: NME

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente