Oscar 2020, l’Academy spiega l’assenza di Luke Perry nell’In Memoriam

oscar 2020

Come ogni serata che si rispetti, anche quella degli Oscar 2020 ha suscitato qualche polemica. Non solo per il discorso di Joaquin Phoenix e la conseguente reazione degli allevatori ma anche da molti fan che non hanno gradito l’esclusione di Luke Perry dall’In Memoriam. Un momento che ha visto esclusi anche Sid Haig, Orson Bean e Cameron Boyce. L’Academy ha spiegato il perché di queste esclusioni.

“L’Academy riceve centinaia di richieste per includere i propri cari e colleghi del settore nel segmento Oscar in Memoriam. Un comitato esecutivo che rappresenta tutte le filiali considera l’elenco e fa le selezioni per la trasmissione televisiva sulla base di un tempo disponibile limitato”

Questa la nota rilasciata dall’Academy che dà una spiegazione di quanto accaduto.  Prosegue, inoltre, affermando che saranno sicuramente ricordati nella Gallery sul proprio sito internet.

Luke Perry ha interpretato il suo ultimo ruolo a 52 anni nel film di Tarantino C’era Una Volta a… Hollywood ma il ruolo più iconico è sicuramente quello di Dylan nella famosa serie Beverly Hills 90210. Sid Haig invece ha indossato i panni, insieme alla follia omicida, di Captain Spaulding nella trilogia di Rom Zombie composta da: La Casa dei 1000 Corpi, La Casa del Diavolo e 3 From Hell. Proprio la chiusura della trilogia coincide con la scomparsa dell’attore, da tempo gravemente malato.

Durante gli In Memoriam nella serata degli Oscar 2020, le note di Yesterday, classico brano dei Beatles cantato da Billie Eilish per l’occasione, hanno accompagnato la commemorazione di Kobe Bryant e Kirk Douglas, anche loro recentemente scomparsi.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!