Oscar 2020, una votante anonima: “Irishman noioso, Parasite non merita”

oscar 2020
Condividi l'articolo

Si sono concluse da poco le votazioni per l’assegnazione dei prossimi Oscar 2020. Intercettata dal The Hollywood Reporter, una votante per la categoria attrici, rimasta ovviamente anonima, ha affermato onestamente tutto quello che non le è piaciuto dei film in concorso. Tra cui due film chiacchieratissimi, quali The Irishman di Martin Scorsese e Parasite di Bong Joon-ho.

È rimasta invece molto colpita da C’era Una Volta a… Hollywood di Quentin Tarantino, al punto che, come dichiara, spera vinca miglior film e miglior regia. Non da meno, la votante anonima ha speso parole di elogio anche per 1917, il film di Sam Mendes in odore di Oscar, pronostici dell’Academy permettendo.

Balzano all’occhio però le dissertazioni fatte a molti film che hanno avuto un discreto successo collettivo. In particolare, oltre ai due menzionati, anche a Piccole Donne, Jojo Rabbit e Storia Di Un Matrimonio. Andando con ordine, The Irishman sarebbe un film noioso. Un film eccessivamente lungo e ripetitivo che, se non ci fosse il nome di Scorsese dietro, avrebbe ben pochi consensi.

LEGGI ANCHE:  Gal Gadot e Brie Larson: "Fate l'amore, non fate la guerra" [FOTO]

Per ciò che concerne Parasite, la questione si fa un po’ più complessa. Da regolamento, il film di Bong Joon-ho, merita di gareggiare tra il miglior film. Un regolamento che a quanto apre andrebbe riscritto dal momento che per la votante anonima non dovrebbe concorrere agli Oscar 2020 in quanto il regista non è americano.

Una questione di nazionalità, esattamente come per Piccole Donne. Infatti, dice la votante, che è un film recitato male in quanto ci sono quattro ragazze inglesi che interpretano quattro ragazze americane. Anche se, ad esser precisi, le uniche due inglesi sono la Pugh e la Watson. Soprattutto viene messa in dubbio l’effettiva povertà di chi ha una casa a due piani ed una cuoca.

La commedia irriverente di Taika Waititi, Jojo Rabbit, pur essendo un bel film, non ha fatto ridere la nostra votante anonima. Tanto basta per rimanere delusi dal film. Pecca invece di credibilità Storia Di Un Matrimonio, dal momento che regista e attrice off-Broadway non possono sicuramente condurre quello stile di vita. Grasso che cola se riescono a guadagnare 150 dollari a settimana.

LEGGI ANCHE:  American Factory | Un profondo e lento incidente interculturale

Pareri forti, discordanti rispetto gran parte dell’opinione pubblica ma sicuramente molto onesti. Ancora qualche giorno e scopriremo se la votante in questione masticherà amaro o meno.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!