Incendi in Australia, come procede la raccolta fondi della modella nudista

Ha fatto molto discutere l'iniziativa ideata dalla modella Kaylen Ward per aiutare l'Australia. Vediamo come sta procedendo.

Modella raccoglie soldi per Incendi in Australia
Scatto dei terribili incendi che stanno colpendo l'Australia. Credits: Wikipedia, Thomas Schoch

L’iniziativa benefica sui generis di Keyla Ward per aiutare l’Australia prosegue. La ventenne modella losangelina lo scorso 4 gennaio ha infatti lanciato un’iniziativa, denominata The Naked Philanotropist, con la quale sta raccogliendo fondi da donare alle associazioni che si occupano di spegnere i terribili incendi che stanno colpendo la terra dei canguri e che hanno già sterminato più di un miliardo di animali, oltre ad aver ucciso 25 persone.

Le modalità sono semplici: a ogni persona che gli dimostri di aver donato almeno 10 dollari a una qualsiasi delle fondazioni che stanno lavorando in Australia, Keyla Ward invia una sua foto senza veli. In poche ore la cifra raccolta dalla ragazza ha toccato i 100 mila dollari, che sono divenuti addirittura 700 mila in pochi giorni. Tuttavia, questa iniziativa non è stata ben vista né da Instagram né dalla famiglia della ragazza.

Il celebre social network ha infatti deciso di bloccare e disattivare il profilo della ragazza, rea di aver violato le regole per quel che riguarda il nudo femminile, prendendo parte ad una battaglia contro la censura della piattaforma che molte dive stanno combattendo, da Amber Heard a Miley Cyrus.

https://platform.twitter.com/widgets.js
Anche i familiari della ragazza, da quando scrive la stessa Kayler Ward su Twitter, non sembrano aver gradito questo smercio di fotografie hot che la modella sta facendo in giro per il mondo.

https://platform.twitter.com/widgets.js
Sebbene siano metodi davvero poco ortodossi, bisogna riconoscere che in pochi giorni, la bellissima modella americana, ha raccolto per aiutare l’Australia una cifra quasi altissima, pari quasi a quella donata da divi del calibro di Chris Hemsworth  per esempio.

Voi che ne pensate dell’iniziativa di Kaylen Ward? Il fine giustifica i mezzi?

Leggi anche: Amazzonia in fiamme, Leonardo DiCaprio: “Ecco come possiamo salvarla”

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!