Alberto Angela “sfida” la Signora Angela di Mondello su Instagram

Alberto Angela
Alberto Angela / RAI

La “sfida” a colpi di follower tra Alberto Angela e la Signora Angela di Mondello.

“Non ce n’è Covid” Questa frase da negazionista pronunciata ai microfoni di un telegiornale dalla Signora Angela, mentre questa si trovata in spiaggia a Mondello in piena emergenza sanitaria da Coronavirus, l’ha fatta diventare subito un meme del web.

Quando la Signora Angela si è iscritta a Instagram ha fatto il boom di follower, conquistandone più di 100 mila in 24 ore. Quello che a tutti gli effetti si può considerare un fenomeno della società moderna (fondata sull’apparire) si scontra con una società che tenta a spallate di restare a galla facendo della cultura e dell’istruzione un punto fermo di crescita.

Uno dei simboli di quella che possiamo definire una società sana è Alberto Angela. Il famoso divulgatore scientifico, figlio di Piero, che sui canali Rai spiega sempre con estrema chiarezza degli argomenti culturali di interesse mondiale.

I due Angela, in un “paragone” tra cultura e frivolezza (che molti chiamerebbero ignoranza), è stato esaltato dal web che ha messo a confronto i follower di Albero Angela e della Signora Angela (descrittasi come mamma e casalinga).

Ebbene, i follower di Alberto Angela – dopo anni di divulgazione scientifica – erano decisamente meno di quelli della Signora Angela che in realtà non aveva postato nulla se non normalissime foto della sua famiglia.

Il regista siciliano Roberto Lipari ha così lanciato una sfida per non far “morire” la cultura con l’hashtag #AlbertoAngelaChallenge. Questo per invitare le persone a seguire Alberto Angela su Instagram e fargli avere più follower della Signora Angela che effettivamente non ha fatto ancora nulla per meritarsele.

Chi seguirete?

Potreste essere interessati anche a:

•Coronavirus, Alberto Angela: “Il Virus è subdolo, come uno squalo”
•Alberto Angela ricorda: “Sono stato sequestrato e torturato in Niger”

Scriveteci cosa ne pensate e continuate a seguirci su Lasciammiapensa.com.