Facebook e Instagram lasciano l’Europa? Ecco cosa sta succedendo

"Facebook" by chriscorneschi is licensed under CC BY-SA 2.0

Facebook ha detto che potrebbe ritirarsi dall’Europa se il commissario irlandese per la protezione dei dati farà rispettare il divieto di condivisione dei dati con gli Stati Uniti, dopo che una sentenza storica della Corte di giustizia europea ha rilevato in luglio che non vi erano sufficienti garanzie contro lo spionaggio da parte delle agenzie di intelligence statunitensi.

In un deposito giudiziario a Dublino, l’avvocato generale associato di Facebook Yvonne Cunnane ha scritto che l’applicazione del divieto lascerebbe l’azienda nell’impossibilità di operare.

Nel caso in cui Facebook fosse soggetto a una sospensione completa del trasferimento dei dati degli utenti negli Stati Uniti non è chiaro come, in tali circostanze, possa continuare a fornire i servizi di Facebook e Instagram nella Unione Europea.

Facebook ha specificato che la deposizione dell’avvocato fosse una minaccia, sostenendo in una dichiarazione che si trattava di un semplice riflesso della realtà. “Facebook non minaccia di ritirarsi dall’Europa”, ha detto un portavoce.

I documenti legali depositati presso l’alta corte irlandese mostrano la semplice realtà che Facebook, e molte altre imprese, organizzazioni e servizi, si basano sul trasferimento di dati tra l’UE e gli Stati Uniti per gestire i loro servizi. La mancanza di trasferimenti di dati internazionali sicuri e legali danneggerebbe l’economia e ostacolerebbe la crescita delle imprese basate sui dati nell’UE.

Il precedente: una storia che va avanti da molto tempo

Il deposito dei documenti è l’ultimo colpo di scena di una battaglia legale che dura da quasi un decennio. Nel 2011, Max Schrems, un avvocato austriaco, ha iniziato a presentare denunce sulla privacy al commissario irlandese per la protezione dei dati, che regolamenta Facebook nell’UE, in merito alle pratiche del social network.

Queste denunce hanno preso slancio due anni dopo, quando è stato rivelato che il programma americano di sorveglianza elettronica chiamato Prism della NSA prevedeva anche l’accesso diretto ai sistemi di Google, Facebook, Apple e altre società di internet statunitensi. Schrems ha presentato un’ulteriore denuncia sulla privacy, che alla fine è stata deferita alla Corte di giustizia europea.

Tale corte ha ritenuto nel 2015 che, a causa dell’esistenza di Prism, l’accordo “Safe Harbour“, che permetteva alle aziende statunitensi di trasferire i dati dei cittadini dell’UE in patria sin dal 2000, non fosse più valido.

L’UE ha poi tentato un secondo accordo legale per il trasferimento dei dati, un cosiddetto “scudo privacy“. Anche questo è stato invalidato nel luglio di quest’anno, con la sentenza della Corte che ha nuovamente stabilito che gli Stati Uniti non hanno limiti nel prendere dati dai cittadini dell’UE.

Facebook: La situazione al momento

A settembre 2020, il commissario irlandese per la protezione dei dati ha iniziato il processo di applicazione di tale sentenza. Il commissario ha emesso un’ordinanza preliminare che obbliga il social network a sospendere i trasferimenti di dati all’estero.

In risposta, Nick Clegg, il responsabile degli affari e delle comunicazioni globali dell’azienda, ha pubblicato un post che sostiene che “i trasferimenti internazionali di dati sono alla base dell’economia globale e sostengono molti dei servizi fondamentali per la nostra vita quotidiana”.

“Nel peggiore dei casi, questo potrebbe significare che una piccola start-up tecnologica in Germania non sarebbe più in grado di utilizzare un provider cloud con sede negli Stati Uniti”, ha scritto. “Una società spagnola di sviluppo prodotti non potrebbe più essere in grado di gestire un’operazione attraverso più fusi orari. Un rivenditore francese potrebbe scoprire di non essere più in grado di gestire un call center in Marocco”.

Clegg ha aggiunto: “Siamo a favore di regole globali che possono garantire un trattamento coerente dei dati in tutto il mondo”.

Come finirà? Probabilmente Facebook (che detiene anche Instagram e non solo) troverà un accordo, ma ciò non sembra affatto semplice.

La notizia è stata riportata dal sito The Guardian.

Continua a seguirci su LaScimmiaPensa.com per altre news ed approfondimenti!

Potreste interessarvi anche: