Amazon cancella Too Old to Die Young e altre quattro serie

Il gigante del commercio online Amazon, cancella dalla sua piattaforma streaming, cinque serie TV. Evidentemente in casa Amazon è tempo di cambiamento...

Amazon

Durante il tour della Television Critics Association, Amazon Studios ha rivelato quali serie potremo continuare a seguire anche nei prossimi anni e quali invece sono destinate a fermarsi. Inaspettatamente, tra i cinque titoli ci sono anche quello di Refn, Too Old to Die Young, e The Romanoffs serie con un cast stellare, dai creatori di Mad Men. Alcune delle serie tagliate, come Lore e Patriot, avevano già raggiunto la seconda stagione, mentre il fantasy poliziesco Forever, si fermerà alla prima.

La decisione di sopprimere la particolarissima serie del regista di Drive, Nicola Winding Refn, è decisamente sorprendente. Nonostante si trattasse di un progetto impegnativo, la serie Too Old to Die Young puntava su un nome di grande peso nell’ambiente cinematografico. Ma Refn non è riuscito a salvare la sua ultima creazione dai tagli di Amazon. La serie era composta da 10 episodi di durata spesso piuttosto estesa, arrivando anche a superare l’ora e mezza.

Sorprendente è anche l’esclusione dal catalogo Prime Video della serie The Romanoffs.

La serie antologica di Matthew Weiner, creatore della celebre serie Mad Men, non è riuscita a conquistare pubblico e critica. Molti fan però, chiedevano a gran voce il rinnovo della serie, per continuare a scoprire dettagli della discendenza della famiglia reale russa. Adesso non ci sono più dubbi, la richiesta non verrà soddisfatta; lo conferma il regista stesso che, forse deluso dalla mancata nomination agli Emmy, ha dichiarato che «continuare non avrebbe avuto alcun senso».

Se nel caso dei Romanoffs è il creatore stesso a mollare, le altre serie tagliate fuori si metteranno probabilmente alla ricerca di una nuova piattaforma. Nel frattempo Amazon Studios ha annunciato di puntare su altri lavori, in particolare sulle nuove stagioni di Carnival Row e The Expanse.

Continua a seguirci per altre news e approfondimenti su Lascimmiapensa.com!