Anni di duro binge watching ripagati: esiste un corso universitario sui Simpson

simpson

La notizia, va detto, non è propriamente una notizia. I Simpson sono infatti sbarcati in ambito accademico da almeno quindici anni. Ovviamente e purtroppo, non si parla di università italiane, ma è necessario andare oltremanica se non addirittura oltreoceano per trovare ciò di cui stiamo parlando.

“The Simpson and Phylosophy” è un corso dell’Università di Berkeley, California, dal lontano 2003.

Il corso offre un’introduzione alla filosofia fornita però in una modalità certamente unica e divertente. Da Platone a Kant, passando per Marx e Nietzsche, il corso è sì divertente, ma non meno impegnativo. Come sostiene Julian Baggini, filosofo britannico autore di numerosi libri e pubblicazioni, l’animazione è un’ottimo mezzo per parlare di filosofia in quanto condividono una caratteristica di non-realismo. La filosofia ha bisogno di essere reale per dare un senso al mondo così com’è, non come lo immaginiamo o come vorremmo che fosse.  

Berkeley ha fama di essere un’università foriera di libertà e creatività intellettuale e certamente questo corso spicca in tal senso.

Obiettivo del corso non è esattamente trovare una filosofia nello show di Groening (che fu studente di filosofia), ma piuttosto un modo per analizzare la filosofia per mezzo dei Simpson. L’arma segreta dei Simpson in questo ruolo è la capacità di incoraggiare un ragionato modo di ridere, una notevole autocritica rivolta ai nostri luoghi comuni, ma anche agli altri e al mondo in cui viviamo.

simpson

“D’oh! The Simpsons Introduce Philosophy” è invece il titolo di un altro corso analogo, tenuto presso l’Università di Glasgow dal 2016

L’idea sembra dunque aver trovato il favore di altri accademici. Stavolta però si tratta di qualcosa di diverso. Il promotore John Donaldson, ideatore del corso, ha deciso di analizzare direttamente gli aspetti filosofici dello show di Groening, in particolare soffermandosi sull’analisi del personaggio di Homer, un personaggio virtuoso, secondo i parametri Aristotelici, almeno a detta di Donaldson.

Non resta dunque che aspettare che qualche accademico italiano decida di replicare l’esperienza, facendo la felicità di molti amanti della tv e della filosofia.

Leggi anche I Simpson e l’assurdo errore nella continuity

Leggi anche Homer è odioso e Marge una repressa: Vice stronca I Simpson

Fonte Tyler Shores

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here