10 album alla scoperta del grunge

Cos’è il grunge? Tante cose insieme.

Musicalmente, un miscuglio omogeneo di punk, rock alternativo, metal, post-hardcore. Culturalmente, è la facciata musicale della rivoluzione alternativa degli anni ’90 negli Stati Uniti. Rivoluzione che andava di pari passo con la fine della Guerra fredda, la Prima guerra del golfo e lo spostamento, anche politico, del paese verso posizioni progressiste e autocritiche al tempo stesso.

In altra sede si tratterà approfonditamente della nascita, dello sviluppo e delle caratteristiche del genere. Qui, nel frattempo, vi lasciamo una bella classifica dei dieci ascolti fondamentali per conoscere questa cosa chiamata grunge. Ascolti propedeutici soprattutto per i neofiti di questo stile musicale.

10. Mudhoney – Every Good Boy Deserves Fudge (1991)

Risultati immagini per mudhoney every good boy deserves fudge

I Mudhoney rappresentavano l’anima più punk del grunge. In seguito al successo del singolo Touch Me I’m Sick (1988), uno dei pezzi ispiratori dell’intero genere, con il loro secondo album i Mudhoney espessero tutta la loro arte rumoristica. Un disco rozzo, leggermente anarchico, sicuramente seminale ma anche mainstream. Nel 1991 il grunge era già cosa di tutti i giorni, e con questo album i Mudhoney si gettarono nella mischia, prendendo il posto d’onore che spettava loro.

9. Melvins – Houdini (1993)

Risultati immagini per melvins houdini

I Melvins di Buzz Osbourne sono di solito considerati un gruppo limite, a cavallo tra grunge e metal (nello specifico, sludge metal). Comunque, in Houdini, il loro album di maggior successo commerciale, l’influenza grunge è indubbia, se non altro per la collaborazione di un certo Kurt Cobain. Ma Houdini è comunque un disco importante di una band per la quale il grunge è stato una fase di passaggio, un tassello in un puzzle molto più complesso, di una discografia molto più variegata. Ciò non toglie che l’ascolto di quest’album può avvicinare al grunge e renderne più familiare l’estremità metal.

8. Green River – Rehab Doll (1988)

Immagine correlata

Rehab Doll è l’unico album pubblicato dai Green River, band di breve durata ma di enorme influenza. Ne fecero parte infatti Jeff Ament e Stone Gossard, già nei Mother Love Bone e poi, com’è noto, nei Pearl Jam. E Mark Arm e Steve Turner, poi nei Mudhoney. All’album collaborarono inoltre Jack Endino alla produzione, e Kim Gordon dei Sonic Youth. Un piccolo gioiello underground, che mostra tutti le caratteristiche dello stile grunge, ma con un approccio ancora “indie”, stile anni ’80, che è figlio del rock alternativo e del post-hardcore. Nella versione presente su Spotify, qui sotto, l’album è preceduto dall’EP Dry as a Bone.