Jeremy Renner torna a recitare un anno dopo l’incidente

Su Instagram, Jeremy Renner ha rivelato di essere finalmente tornato al lavoro dopo il terribile incidente subito

jeremy renner
Condividi l'articolo

Quasi un anno è passato da quando, lo scorso 1 gennaio, Jeremy Renner ha rischiato la vita a causa di un terribile incidente domestico. In una serie di sfortunate coincidenze infatti la sua macchina SnowCat gli è passata sul corpo recandogli svariati infortuni. L’attore, volto di Occhio di Falco nel MCU è in fase riabilitativa da svariati mesi e ora è finalmente pronto per tornare al lavoro.

Su Instagram ha infatti condiviso uno scatto tratto dal set di Mayor of Kingstown e pubblicato dalla sua co-star Emma Laird in cui si legge Sta succedendo, di nuovo al lavoro col mio ragazzo preferito la prossima settimana.

sindaco-di-kingstown-stagione-2-jeremy-renner-emma-laird.png

Un resoconto completo di ciò che è accaduto a Jeremy Renner è stato dato, pochi giorni dopo il terribile accadimento, dallo sceriffo Darin Balaam che ha definito l’evento “un tragico incidente” e ha affermato di ritenere che l’attore non sia stato minimamente complevole dell’evento. Secondo lo sceriffo, la star di Hollywood stava cercando di rimuovere un’auto che era rimasta bloccata nella neve, uscendo poi dal suo gatto delle nevi che poi lo ha travolto schiacciandogli una gamba. 

LEGGI ANCHE:  Le 10 migliore sparatorie della storia del cinema

A questo punto dell’indagine non crediamo che il signor Renner sia stato colpevole e crediamo che si tratti di un tragico incidente – ha dichiarato lo sceriffo Balaam nell’ultimo aggiornamento. L’ufficio dello sceriffo di Washoe è in possesso del suo PistenBully (il gatto delle nevi) e lo stiamo analizzando per escludere qualsiasi potenziale guasto meccanico che possa spiegare perché abbia iniziato a muoversi. Questo fa parte del nostro normale processo investigativo per qualsiasi indagine importante. Come ho accennato in precedenza, questa indagine è in corso. Tuttavia, non sospettiamo alcun dolo, voglio ripeterlo, non sospettiamo alcun dolo. Riteniamo che si sia trattato di un tragico incidente.

Forza Jeremy!

Seguiteci su LaScimmiaPensa