Dahmer, Ebay bandisce i costumi ispirati al serial killer

Ebay ha deciso di bandire dalla propria piattaforma qualsiasi costume di Halloween ispirato a Jeffrey Dahmer

Condividi l'articolo

Halloween si avvicina e sul web si è alzata un’ondata di preoccupazione in vista della celebre festa in quanto sono aumentate a dismisura le persone che hanno intenzione di travestirsi da Jeffrey Dahmer dopo il recente successo della serie a lui dedicata su Netflix (qui la nostra recensione). Per questo motivo Ebay ha deciso di bandire dalla sua piattaforma qualunque tipo di costume possa essere ricondotto allo spietato serial killer.

Posso confermare che questi articoli sono stati banditi su eBay e sono stati rimossi in base alla nostra Politica sulla violenza e sui crimini violenti – ha detto a EW un portavoce di eBay. Questi articoli sono stati vietati in base alla nostra politica: questa non è stata una decisione nuova o recente

Secondo questa politica, i venditori eBay non sono autorizzati a vendere merce che “promuove o glorifica la violenza nei confronti di esseri umani o animali”, inclusi “film, immagini o dispositivi che contengono o affermano di contenere atti reali di violenza, stupri, esecuzioni, torture, scene del crimine, obitori, cadaveri o parti del corpo di persone decedute”. La politica si estende anche a “oggetti strettamente associati o che avvantaggiano criminali violenti, i loro atti o scene del crimine negli ultimi 100 anni”

LEGGI ANCHE:  Dahmer, un membro della troupe parla del razzismo sul set

Tuttavia alcuni venditori hanno apparentemente trovato un modo per aggirare il divieto. Tra gli oggetti elencati in una ricerca di “costumi di Jeffrey Dahmer” sul sito, un paio di occhiali dalla montatura metallica che sembrano visivamente simili a quelli che il killer indossava sono ora etichettati come “occhiali ispirati alla moda”. Secondo quanto riferito da Variety, altri costumi presentavano una maschera dell’attore Evan Peters , che interpreta l’assassino nella serie.

Che ne pensate?

Seguiteci su LaScimmiaPensa