Dahmer, le principali differenze tra serie e realtà

Ecco le principali differenze tra la vitaa di Jeffrey Dahmer e la sua trasposizone fatta da Netflix nella miniserie di Ryan Murphy

dahmer
Condividi l'articolo

Mostro – La storia di Jeffrey Dahmer, miniserie Netflix di Ryan Murphy che racconta le atrocità commesse da quello che è divenuto noto come il Il cannibale di Milwaukee (qui la nostra recensione) è sicuramente una delle serie dell’anno. Lo show con protagonista uno strepitoso Evan Peters ha avuto un ottimo riscontro sia di critica che di pubblico. In particolare è stata lodata la fedeltà con la quale le atrocità del killer sono state raccontate. Tuttavia non tutto ciò che vediamo su schermo è sovrapponibile a quanto accaduto nella realtà. Ecco dunque le principali differenze.

Il personaggio di Glenda Cleveland

image 17

Il personaggio di Glenda Cleveland, interpretato da Niecy Nash, gioca un ruolo significativo nell’arresto di Dahmer. Nella serie infatti, la donna è la vicino di casa del killer e i due hanno frequenti interazioni che portano a molteplici denunce della polizia. Nella vita reale, i due non si sono mai incontrati e la Cleveland non ha mai vissuto all’interno dello stesso edificio nel quale viveva Dahmer. In realtà viveva nell’edificio vicino.

Tuttavia, ha tentato pià volte di avvisare la polizia locale e l’FBI del comportamento di Dahmer. Nella serie, la figlia di Cleveland, Sandra Smith, e la nipote, Nicole Childress, hanno visto un disorientato Konerak Sinthasomphone di 14 anni scappare in un vicolo vicino all’appartamento del killer il 27 maggio 1991. Cleveland ha contattato la polizia, che è arrivata e alla fine ha restituito il adolescente di nuovo sotto la custodia di Dahmer. Questo fatto che vediamo nella serie, è invece realmente accaduto.

LEGGI ANCHE:  Dahmer, il padre accusa la moglie per le devianze del figlio

I panini di carne umana

image 18

Come abbiamo detto, Glenda Cleveland non era la vicina di Dahmer. Era infatti Pamela Bass a vivere accanto a al killer. La donna era relativamente affezionata a lui e non aveva molti sospetti su quello che stesse facendo. Dopo l’arresto del killer, la Bass ha confermato che Dahmer era “amichevole e condivisibile”. Ha anche confermato che le aveva dato da mangiare dei panini. Una volta confermata la natura brutale dei crimini di Dahmer, la Bass ha espresso il suo timore che potessero contenere carne umana . 

Probabilmente ho mangiato le parti del corpo di qualcuno – ha detto nel film The Jeffrey Dahmer Files .

Pamela Bass Non è stata inclusa nella serie limitata Netflix. 

Dahmer non beveva sacche di sangue

image 19

L’episodio quattro segue Dahmer dopo aver ottenuto un lavoro come flebotomo al Milwaukee Blood Plasma Center. Con una svolta inquietante, lo vediamo portare a casa una sacca di sangue e poi perlo. Secondo i rapporti che il killer ha fornito ai funzionari di polizia nella vita reale, nella realtà ha tentato di bere una fiala di sangue sul tetto del centro, ma ha finito per sputarlo.

LEGGI ANCHE:  Dahmer, vista per 300 milioni di ore nella prima settimana

Gli agenti di polizia John Balcerzak e Joseph Gabrish non sono stati nominati “ufficiali dell’anno”

image 20

Gli ufficiali John Balcerzak e Joseph Gabrish hanno ricevuto un encomio di ufficiale dell’anno come si vede nell’episodio nove della serie. Non è mai successo nella vita reale. Entrambi gli agenti, sospesi dopo l’arresto di Dahmer, sono stati reintegrati nel 1994, ma non sono mai stati riconosciuti come ufficiali dell’anno. Alla fine Balcerzak divenne il presidente del sindacato degli agenti di polizia di Milwaukee.

Dahmer non ha portato gli occhiali durante il processo

image 21

Jeffrey Dahmer non indossava gli occhiali per i quali è stato riconosciuto durante il processo. Durante un’intervista con Inside Edition, ha detto: “Mi sono sentito a disagio nel guardare in faccia qualcuno, non volevo vedere la faccia di nessuno chiaramente, mi ha aiutato a dissociarmi da ciò che stava accadendo”.

Conoscevate queste differenze? Avete apprezzato la serie? Ditecelo nei commenti.

Seguiteci su LaScimmiaPensa