God Save the Queen: testo, traduzione e significato della canzone “dedicata” alla Regina [VIDEO]

Regina
Condividi l'articolo

God Save the Queen è una delle più celebri canzoni della storia del punk e del rock. E sì, si riferiva anche alla scomparsa sovrana, la Regina Elisabetta II

Un brano di protesta, ma che allo stesso tempo in qualche modo rimarca la grande influenza che la Regina Elisabetta II, appena scomparsa, aveva ed ha avuto anche nel mondo dell’arte. La canzone dei Sex Pistols, che ovviamente voleva essere una presa in giro in stile punk dell’inno nazionale inglese e della devozione alla monarchia, rimarca involontariamente proprio questo.

Il brano, pubblicato come secondo singolo nella breve storia della band (il primo era Anarchy in the U.K., tutto dire) fu un successo eclatante. Tanto che, secondo la leggenda, arrivò alla posizione numero uno nella classifica di vendite in Regno Unito, ma il conseguimento venne censurato sì che in quel periodo ufficialmente le chart inglesi non avevano un singolo in prima posizione.

In ogni caso bisogna specificare subito che il brano non intendeva e non intende essere un attacco personale nei confronti della Regina Elisabetta. Né, se è per questo, si pone in fondo come commentario sociale e politico da prendersi troppo sul serio al di là della volontà puramente provocatoria di Lydon e soci.

Del resto parliamo di una band che di per sé nasceva come operazione commerciale provocatoria e difatti tutto nella canzone, dalla controversa copertina al famoso grido nichilista “no future” va in questa precisa direzione. Ecco il testo di questo brano, tradotto in italiano, legato ad una delle più imponenti figure della storia.

Testo e traduzione di God Save the Queen:

God save the Queen
The fascist regime
They made you a moron
Potential H-bomb
God save the Queen
She ain’t no human being
There is no future
In England’s dreaming

LEGGI ANCHE:  John Lydon è un sostenitore di Donald Trump [FOTO]

“Dio salvi la regina
Il regime fascista
Ti hanno reso uno stupido
Potenziale bomba H
Dio salvi la regina
Non è un essere umano
Non c’è futuro
Nel sogno inglese”

Cominciamo subito con un diretto attacco all’aristocrazia, alla casa regnante e alle istituzioni. Ai “potenti”, in pratica, bersaglio privilegiato dei brani di protesta dell’epoca. Su tutto regna la sempreverde paura della guerra atomica, di fronte alla quale non si può che sposare un arrabbiato nichilismo espresso nel famoso motto già citato “no future”.

La regina inoltre “non è un essere umano”, non nel senso di alieno o rettile, ma in quanto pupazzo manovrato e non realmente in grado di decidere per sé. Per contro il refrain sottolinea una strenua ricerca di libertà dalle convenzioni e dai desideri della società moderna, libera dal peso di passate aspettative per il regno (e per i sudditi) che la casa regnante simboleggia.

God Save the Queen è uscito come singolo del Sex Pistols nel 1977

Don’t be told what you want to want to
And don’t be told what you want to need
There’s no future, no future
No future for you

“Non farti dire che cosa vuoi volere
E non farti dire di che cosa hai bisogno
Non c’è futuro, nessun futuro
Nessun futuro per te”

God save the Queen
We mean it, man
We love our Queen
God saves

“Dio salvi la regina
Lo diciamo sul serio, amico
Amiamo la nostra regina
Dio la salvi”

LEGGI ANCHE:  John Lydon: "Mia moglie ha l'Alzheimer"

In ogni caso come possiamo vedere i Sex Pistols si guardano bene dall’attaccare la regina direttamente, dipingendola più come una vittima del sistema che criticano e al quale imputano i veri problemi del mondo. La seconda strofa infatti si concentra piuttosto sullo strapotere del dio denaro e su tutte le ipocrisie e i crimini che, anche in UK, vengono commessi nel suo nome.

Il brano si chiude in un trionfo di nichilismo che intende, in realtà, incitare a una reazione e far affermare che le cose non stanno così, o perlomeno non devono necessariamente. Quella dei Sex Pistols non è insomma una canzone bruciante e semplicemente distruttiva come si potrebbe pensare, quanto piuttosto un grido d’allarme lancinante e pungente, urlato per risvegliare le coscienze.

God save the Queen
‘Cause tourists are money
And our figurehead
Is not what she seems
Oh, God save history
God save your mad parade
Oh, Lord, God have mercy
All crimes are paid

“Dio salvi la Regina
Perché i turisti vogliono dire soldi
E la nostra polena
Non è quello che sembra
Dio salvi la storia
Dio salvi la vostra pazza parata
Oh, Dio, abbi pietà
Tutti i crimini sono ripagati”

When there’s no future how can there be sin?
We’re the flowers in the dustbin
And we’re the poison in your human machine
We’re the future, your future

“Quando non c’è futuro come ci può essere il peccato?
Noi siamo i fiori nella pattumiera
Siamo il veleno nella vostra macchina umana
Siamo il futuro, il vostro futuro”

Continuate a seguirci su LaScimmiaSente