Mark Hoppus dei Blink 182 è guarito dal cancro: “Mi sento così felice”

Su Instagram Mark Hoppus, leader dei Blink 182, ha rivelato di essere finalmente guarito dal cancro dopo lunghi mesi di chemio

Mark Hoppus
Credits: Princeton Tonight / YouTube
Condividi l'articolo

Mark Hoppus, frontman dei Blink 182, da diversi mesi sta lottando contro il cancro. Nelle ultime ore, su Instagram, ha aggiornato il mondo sulle sue condizioni di salute, svelando di essere guarito.

Ho appena visto il mio oncologo e sono guarito dal cancro!! – scrive il musicista. Grazie a Dio, all’universo, agli amici, alla famiglia e a tutti coloro che hanno inviato supporto, gentilezza e amore. Devo ancora fare controlli ogni sei mesi e mi ci vorrà almeno fino alla fine dell’anno per tornare alla normalità, ma oggi è una giornata fantastica e mi sento così felice.

Il membro dell’iconica band ha subito diversi cicli di chemioterapia per liberare il suo corpo dal cancro. Mentre ha cercato di rimanere fiducioso durante tutto il processo, ha affermato che la chemio è un trattamento infernale che lo ha messo in una difficile condizone.

LEGGI ANCHE:  Mark Hoppus dei Blink 182 ha il cancro: "Ho paura"

Tutto sulla chemio fa schifo tranne la parte in cui si spera che mi salvi la vita – aveva detto Hoppus

Parlando con i fan su Twitch dopo una seduta di chemio, Mark Hoppus aveva detto

Come mi sento oggi? Mi sento molto meglio di ieri. Ieri è stato un inferno per me e mi sono svegliato oggi sentendomi meglio. Sono andato a fare una passeggiata, e ho fatto una colazione decente, e non ho sentito che avrei vomitato oggi, quindi lo prenderemo come una vittoria. Nei giorni buoni, vado a fare delle cose. Oggi sono andato a fare una passeggiata fuori ed è stata la prima volta che uscivo di casa in tipo… cinque giorni più o meno.

Ma questo giro di chemio non ero completamente bloccato sul divano, infelice. In realtà ho visto film e ho camminato, pulito la casa e sono uscito con i miei cani. “Non mi sentivo solo come uno zombi elettrificato avvelenato appoggiato a un recinto elettrico come ho fatto per il resto, negli ultimi due cicli.

In bocca al lupo per il futuro Mark!

LEGGI ANCHE:  Blink-182: recensione di Nine