Sylvester Stallone si confessa: “Ogni mio film potrebbe essere l’ultimo”

Parlando on William Mullally di Esquire Middle East, Sylvester Stallone ha parlato della sua carriera, iniziando a pensare al ritiro

Sylvester Stallone dice addio a Rambo in un commovente video [VIDEO]
Condividi l'articolo

Sylvester Stallone, durante una lunga intervista con William Mullally per Esquire Middle East ha dato uno sguardo alla sua carriera, spiegando di iniziare a vedere la fine della sua carriera.

Alla mia età, ogni film potrebbe essere il mio ultimo proiettile – ha spiegato l’attore di Rocky e Rambo. Cerco di puntarlo nella giusta direzione e ci lavoro sodo. Non è sempre stato così. Negli anni ’80 mi sentivo come se dovessi vivere per sempre. Per questo non prestavo troppa attenzione al mio lavoro. Avevo lavori programmati per anni a seguire. Oggi li chiamerebbero “slot”. La cosa più importante in quel momento era assicurarsi che gli slot fossero pieni.

A quell’età non mi concentravo davvero sul mio mestiere quanto pensavo. L’ho imparato con il tempo. Quando invecchi, migliori. Ottieni un po’ di saggezza. Puoi rallentare fisicamente ma ciò che fai acquisisce più importanza. La memoria invece no, quella dimenticatela! Ma con il tempo, le tue emozioni diventano più solenni.

Guarda la mia faccia. C’è una vita ben vissuta lì sopra. Questo viene fuori nelle performanceLe rughe del viso respirano un po’ di più in ogni parola perché hai vissuto veramente.

Più Clint Eastwood invecchia e più mi piace guardare le sue performance. A quell’età ha più autorità. Non lo avresti mai detto quando interpretava un cowboy su una carovana, ma poi è diventato questa figura paterna molto autorevole. E tu ascolti quello che dice.

Andando avanti con l’intervista, l’attore che interpeterà King Shark in Suicide Squad (qui il trailer), ha rivelato di sentirsi benissimo.

LEGGI ANCHE:  Rambo V: The Last Blood: ecco il ritorno di Stallone nell’esplosivo trailer

Sto meglio ora di quanto non sia mai stato, se guardi da vicino. Sono più rilassato e riesco a capire come funziona il mondo. Non spreco le mie opportunità. Sono a un punto della mia vita in cui dico solo quello che penso. Se vuoi assumermi, licenziami, fai quello che vuoi, non mi interessa.

C’è un pezzo di carta sulla mia parete che dice qualcosa come “Caro signor Stallone, voglio congratularmi con lei per le sue nomination all’Oscar per Rock . Firmato, Charlie Chaplin”. Era del 1977 e all’epoca solo altre due persone erano state nominate sia per la migliore sceneggiatura che per il miglior attore: Orson Welles per Quarto Potere e Charlie Chaplin per Il grande dittatore .

Non ho mai incontrato Charlie Chaplin. All’epoca ero davvero stupido. Ero giovane e pensavo: “Ci sarà tempo per quello dopo”. Ma sei mesi dopo è morto. È uno dei miei più grandi rimpianti nella vita, non aver preso al volo quell’opportunità.

Quando hai tra i 30 ei 40 anni pensi di sapere tutto. Non sai niente. Cammini su un set dove ci sono persone che fanno quel lavoro da 50 anni e questo ti fa capire quanto poco sai davvero di quello che stai facendo.

Ricordo la prima volta che incontrai Paul Newman, rimasi davvero sbalordito. Mi sono messo immediatamente ad ascoltare attentamente quello che diceva, perché era un attore straordinario. Se l’avessi incontrato quando aveva 20 anni, avrei pensato che fosse solo un altro attorein competizione con me. Non è il talento che fa la differenza, sono gli anni. Sul set ora, sono diventato una sorta di figura paterna per questi attori più giovani. E mi piace molto. 

Cosa ne pensate di queste parole di Sylvester Stallone?

LEGGI ANCHE:  Rambo Last Blood, Sylvester Stallone colpisce ancora forte
In teoria sono un giornalista. In pratica scrivo di cose belle su un sito bellissimo. Perchè dai, nessuno è più fico della Scimmia.